Laboratory IBSE: come utilizzare il metodo Inquiry per insegnare le scienze

09/10/2017

La Metodologia Inquiry nella didattica delle scienze (IBSE – inquiry-based science education) è una tecnica che permette agli studenti di essere protagonisti nel processo di apprendimento. A differenza delle lezioni o dei laboratori tradizionali, dove il docente trasmette le conoscenze a studenti che recepiscono e ripetono, il Metodo Inquiry permette di essere coinvolti direttamente nello studio dei fenomeni.
Nella pratica di laboratorio questa metodologia prevede che gli studenti non si limitino a eseguire un esperimento con una procedura standard stabilita dal docente, ma stabiliscano essi stessi una protocollo sperimentale, facendo ipotesi e congetture su come svolgere l’esperimento oggetto dell’esperienza.
Allo scopo di divulgare la metodologia che è promossa dall’ANISN (Associazione Nazionale  Insegnanti di Scienze Naturali), De Agostini Scuola sta effettuando una sperimentazione sul campo.
In un progetto di Alternanza Scuola Lavoro che si sviluppa in tre anni, De Agostini Scuola e alcune classi del Liceo scientifico GB Grassi di Saronno stanno realizzando una serie di video di esperimenti di Biologia, Chimica, Scienze della Terra.  Gli studenti che partecipano al progetto sono coinvolti direttamente nella realizzazione degli esperimenti e nelle riprese video, ma anche alla realizzazione del piano regia, della stesura del copione e alle correzioni redazionali di post produzione.
I ragazzi oltre ai laboratori di redazione tenuti dal tutor aziendale, hanno partecipato anche a una giornata di formazione in azienda dove si sono confrontati con le figure professionali che lavorano nell’ambito dell’editoria scolastica.
A oggi sono stati realizzati dieci video, eccone alcuni in anteprima:

 

In «Matematica e Scienze»

La seconda prova scritta di Matematica e Fisica con l’uso della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50

26/06/2019 da Gruppo Formatori Casio

La seconda prova di Matematica e Fisica proposta agli allievi il 20 giugno 2019 ricalca la struttura proposta nelle prove di simulazione del 28 febbraio e del 2 aprile e rispecchia fedelmente i Quadri di Riferimento pubblicati a novembre, ma presenta una difficoltà leggermente maggiore rispetto alle simulazioni...

leggi

Maturità 2019/ Un commento sulla seconda prova di Matematica e Fisica e sull’uso della calcolatrice grafica

24/06/2019 da Luigi Tomasi

Il 20 giugno scorso si è svolta la seconda prova scritta dell’Esame di Stato, che per il Liceo scientifico quest’anno presentava la novità della prova mista di Matematica e Fisica. Questa tipologia di prova, comunicata a gennaio dal MIUR, è stata molto discussa perché la Fisica al Liceo scientifico ha un peso orario complessivo nei 5 anni che è circa il 60% di quello assegnato alla Matematica (13 ore contro 22)...

leggi

Seconda prova di Matematica e Fisica: il commento di Leonardo Sasso e Claudio Zanone

La seconda prova di Matematica e Fisica del 20 giugno presenta una struttura analoga a quella delle simulazioni di febbraio e di aprile: un problema che «parte» dalla Matematica e si collega alla Fisica, un problema che, viceversa, «parte» dalla Fisica e si collega alla Matematica, cinque quesiti di Matematica e tre quesiti di Fisica...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA