E20. L'attualità in classe. Storia dell'Unione Europea

15/05/2019

Minacciata dai movimenti euroscettici, piegata dalle diseguaglianze economiche e divisa sulla gestione dei migranti, l’Europa va al voto. “Dai Trattati di Roma del 1957 che diedero vita all’attuale Unione – sottolinea il direttore de La Stampa Maurizio Molinari – si tratta delle elezioni più importanti. Per la prima volta a sfidarsi nei nostri Paesi non sono soltanto i partiti delle tradizionali famiglie popolare, socialista, liberale e verde, ma anche populisti e sovranisti portatori di una volontà di drastica revisione del progetto europeo”. Nata all’indomani della Seconda guerra mondiale per esorcizzare il pericolo di nuovi devastanti conflitti fratricidi, l’Ue viene ora percepita come principale causa della mancanza di lavoro e del crescente senso di incertezza. Le elezioni del 26 maggio rappresentano così uno spartiacque, una sfida epocale tra chi, come populisti e sovranisti, vorrebbe rinchiudersi in nuove forme di nazionalismi e chi invece sogna leader e visioni capaci di far sopravvivere il progetto comunitario alla crisi più difficile dal momento della sua creazione.

>> Leggi lo speciale su E20


Multimedia:

Le liti sui confini dimenticati, l’intolleranza crescente verso gli stranieri e le minoranze e le navi cariche di migranti a zonzo nel mediterraneo in cerca di un porto dove attraccare, sono i tasselli di un mosaico assai eloquente.
> Guarda il video


 

Dal 2013 al 2016, ultimo anno per cui si hanno i dati, l’Italia ha dato a Bruxelles 58,426 miliardi. Nello stesso arco temporale l’Italia ha incassato dall’Europa 47,179 miliardi. Facendo la media degli ultimi anni il saldo è di circa 2,8 miliardi a favore dell’Ue.
> Guarda il video


 

Primo novembre 1993 – Entra in vigore il Trattato sull’Unione europea siglato a Maastricht il 7 febbraio 1992. Nasce così l’Unione Europea, costituita da tre pilastri: la Comunità europea, la politica estera e di sicurezza comune, e la cooperazione di polizia e giudiziaria in materia penale.
> Guarda il video

 

In «Lettere e storia»

Nuova Prima Prova: tagliato il traguardo

Il filo rosso che collega e tiene insieme le tracce proposte ai candidati per la prima prova sembra abbastanza chiaro già alla prima lettura: siamo, come spesso si sente dire, nell’epoca dell’incertezza, della “modernità liquida”, della fine delle ideologie e dei valori consolidati a cui eravamo abituati; tutto questo emerge con una certa insistenza nelle varie tracce...

leggi

Slavery on Film: una proposta di laboratorio CLIL

In Italia la disciplina più “gettonata” per l’insegnamento CLIL è la storia, probabilmente per la possibilità di approfondire la conoscenza dell’altro e per le opportunità interdisciplinari...

leggi

Prima prova: il commento alla seconda simulazione del 26 marzo

Come già per la precedente simulazione della prima prova del 19 febbraio, anche questa volta nel formulare le tracce il MIUR sembra aver recepito e tradotto in pratica le indicazioni del Documento elaborato dal gruppo di lavoro...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA