Padlet, istruzioni per l'uso

Padlet, istruzioni per l'uso

Padlet è uno strumento molto versatile, che può essere utilizzato direttamente attraverso il sito internet www.padlet.com o, nel caso si lavori da dispositivi mobili, tramite applicazione. 

Consente di creare, organizzare, condividere contenuti multimediali in uno spazio web, un Padlet appunto, in cui docenti e studenti possono interagire, grazie alla possibilità di lasciare commenti ed esprimere il proprio gradimento a un post assegnando voti, stelle e like. 

Lo spazio di lavoro può essere organizzato come una bacheca virtuale, un diario, una mappa, un blocco note, uno spazio per il lavoro di gruppo e, con un pizzico di creatività, Padlet può diventare anche tanto altro (ad esempio si riescono facilmente a simulare le dinamiche di un social network, quelle di un aggregatore di podcast o di video, con il vantaggio di trovarsi in un ambiente protetto). 

Alcuni tra i punti di forza dello strumento, oltre alla versatilità e alla facilità con cui vi si può accedere per creare contenuti o semplicemente per consultarli, sono senza dubbio quelli di: 

  • avere un’interfaccia intuitiva
  • mettere a disposizione una significativa serie di funzioni che consentono di arricchire i contenuti con elementi multimediali di diversa natura: immagini, video, tracce audio registrate direttamente con un tool integrato e molto altro.
  • favorire l’accessibilità dei contenuti e supportare le strategie inclusive
  • stimolare il coinvolgimento e la creatività degli studenti. 

Come muovere i primi passi con Padlet?

È davvero semplice: vai su www.padlet.com e registrati alla versione Basic, che è quella gratuita, puoi farlo direttamente utilizzando il tuo account Google, se ne possiedi uno. Ti sarà consentito di creare tre soli Padlet ossia tre spazi di lavoro, che potrai impostare ognuno secondo le tue specifiche esigenze, condividerli con uno o più collaboratori, renderli disponibili sulla rete liberamente o proteggendoli con una password. Se tre soli Padlet ti sembrano pochi, non preoccuparti, una volta terminato un lavoro potrai archiviarlo: questo ti consentirà di poterne creare uno nuovo. 

Una volta effettuata la registrazione si viene reindirizzati automaticamente alla dashboard, e a questo punto dovrai solo cliccare sul tasto “Crea un padlet”, selezionare il modello, personalizzare le impostazioni attraverso la maschera che sia apre automaticamente e poi sbizzarrirti nel creare contenuti. 

Gli studenti potranno accedere ai tuoi Padlet e interagire anche senza doversi registrare al sito o scaricare l’applicazione, dovrai semplicemente condividere con loro il link, utilizzando le opzioni richiamabili tramite il tasto “condividi”, che è lo stesso da cui puoi invitare collaboratori al tuo Padlet in modalità editor. 

Due ultime raccomandazioni. Nessuna paura di sbagliare: provare, provare, provare è sempre il modo migliore per imparare e soprattutto osserva con attenzione l’interfaccia e lasciati guidare dal tuo intuito!

Leggi anche

Dall’ONU riflessioni e proposte di azione per trasformare le nostre scuole
Biologia: didattica multi-task
A scuola con i changemakers #12 5 step per combattere gli stereotipi di genere a scuola
Preparare il cuore al nuovo inizio. Ogni giorno.
Lezioni di Biologia: come iniziare un anno coinvolgente ?
Dadi, bilancia e bussola per un anno di Matematica più stimolante e inclusivo