AAA Cercasi alieno per amico

AAA Cercasi alieno per amico

Sono centinaia ogni anno gli avvistamenti di UFO in Italia. Quasi 300 nel 20211. L’acronimo UFO sta per “Oggetti volanti non identificati”, ma oggi spesso identifica l’idea che quell’oggetto sia una astronave aliena. Se confrontiamo le testimonianze oculari, o le fotografie e i video di chi è riuscito a immortalare l’avvistamento, noteremo subito che gli oggetti volanti in cielo mostrano fattezze molto diverse tra loro. Si va da puntini sfocati a vere e proprie formazioni di più oggetti. Cambiano le forme, i colori, la velocità, il modo in cui si muovono2.

Caratteristica abbastanza comune per quanto riguarda fotografie e video, invece, è la non nitidezza: le immagini sono spesso poco definite, sfocate o mosse e questo rende difficile dare una interpretazione. A volte invece una spiegazione si trova, e si scopre che nella maggior parte dei casi il testimone ha visto un oggetto conosciuto, che per qualche motivo non è riuscito a identificare. Possono essere “banali” lanterne cinesi, droni, satelliti, effetti ottici, o anche rari fenomeni atmosferici come, per esempio, i fulmini globulari.

Ma, se tutti questi avvistamenti, o almeno una parte di questi, fossero dovuti ad astronavi aliene che arrivano sulla Terra, perché nessuna di queste si è mai fermata o ha cercato un chiaro contatto con noi? Dopo un viaggio così lungo (la galassia più vicina, quella di Andromeda, dista ben 2,5 milioni di anni luce da noi, e la velocità della luce non può essere superata) fermarsi almeno per un saluto, una pizza e un caffè sarebbe il minimo!

Da parte nostra, oltre a cercare segnali radio che rivelino la presenza di civiltà aliene, qualche tentativo di entrare in contatto con altre forme di vita intelligente è stato fatto. Per esempio, nel 1974 è stato inviato un messaggio radio nello spazio dal radiotelescopio di Arecibo, in Porto Rico. Il messaggio contiene 1679 cifre binarie, un numero non casuale. Questo, infatti, è formato dal prodotto di due numeri primi: 23 e 73. Nella speranza che gli alieni decidano di scrivere gli 0 e 1 di cui è composto il messaggio all’interno di un rettangolo, potrebbero farlo solamente con 23 righe e 73 colonne o 23 colonne e 73 righe. Con la prima delle due opzioni si crea un disegno che, almeno per noi, ha un senso e contiene quelle che sono ritenute le informazioni basilari circa la vita sulla Terra. Quali pensate potrebbero essere?

Quelle che gli scienziati hanno inserito sono: i numeri da uno a dieci in formato binario; i numeri atomici degli elementi idrogeno, carbonio, azoto, ossigeno e fosforo, che sono gli elementi costitutivi del DNA; la formula degli zuccheri e delle basi dei nucleotidi del DNA; il numero dei nucleotidi nel DNA; una rappresentazione grafica della doppia elica del DNA; una rappresentazione grafica di un uomo e le dimensioni di un uomo medio; la popolazione della Terra; una rappresentazione grafica del sistema solare; una rappresentazione grafica del radiotelescopio di Arecibo e le dimensioni dell’antenna trasmittente.
Ci si potrebbe a questo punto chiedere: che probabilità c’è di riuscire effettivamente a entrare in contatto con civiltà evolute di altri pianeti? Se, da un lato, siamo ragionevolmente certi di non essere gli unici esseri viventi nell’immenso Universo, dall’altro bisogna considerare che le distanze in gioco sono infinite e che la nostra civiltà non esiste che da (e forse per) un battito di ciglia rispetto ai tempi dell’Universo.

Nel 1961, l’astronomo e astrofisico statunitense Frank Drake provò a scrivere un’equazione per stimare quante civiltà extraterrestri in grado di comunicare nella nostra galassia potrebbero esistere in questo momento. L’equazione di Drake mette insieme, moltiplicandoli tra loro, fattori come il tasso medio annuo con cui si formano nuove stelle nella Via Lattea, la frazione di stelle che possiedono pianeti, il numero medio di pianeti per sistema planetario in condizione di ospitare forme di vita, la frazione dei pianeti su cui si è effettivamente sviluppata la vita, la frazione dei pianeti su cui si sono evoluti esseri intelligenti, la frazione di civiltà extraterrestri in grado di comunicare e la durata di queste civiltà evolute. L’equazione pare molto sensata, ma, come scrisse T.J. Nelson, «sfortunatamente, tutti i valori sono ignoti, rendendo il risultato meno che inutile». A seconda delle stime si possono ottenere risultati ottimisti e pessimisti. Per Drake le civiltà nella nostra galassia dovevano essere circa 10, ma nelle ipotesi pessimiste sono dell’ordine dello 0,0000001.
Le possibili spiegazioni sul perché non riusciamo a metterci in contatto con nessuna di queste ipotetiche civiltà sono molte. Per esempio, potrebbero essere troppo lontane nello spazio e nel tempo, non essere abbastanza evolute o interessate a comunicare, o magari siamo noi che non siamo in grado di ricevere i loro messaggi. Oppure le civiltà evolute hanno durata troppo breve perché, in qualche modo, si autodistruggono. Secondo voi qual è l’ipotesi più probabile?

FARE SCIENZE
L’equazione di Drake è fatta da una serie di moltiplicazioni. Il suo risultato può variare molto a seconda delle stime fatte per ciascun parametro. Con gli studenti si possono quindi mostrare diversi scenari chiedendo loro di fare delle ipotesi sui parametri da inserire o facendoli cercare su internet.
Poiché l’Universo non è un ambiente a noi familiare, si può partire dall’equazione di Drake modificata da Peter Backus per stimare la probabilità di trovare l’anima gemella3, come descritto qui.
Per ottenere $G$, cioè il numero di potenziali partner bisogna moltiplicare vari fattori. Il concetto chiave da far capire è che ogni richiesta diminuisce il numero finale.
Considerando la platea giovane, di seguito verrà usata una equazione adattata e non quella originale.
$G = R \cdot f_S \cdot f_D \cdot f_E \cdot f_A \cdot f_I \cdot f_R \cdot T$
con:
$R$ = numero di persone che, mediamente, nascono ogni anno. Partendo dal sito dell’ISTAT4 possiamo dire circa 400.000.
$f_S$ = frazione di persone del sesso di cui siamo attratti. Possiamo considerare che la probabilità di nascere maschi o femmine sia uguale, e quindi che la popolazione sia composta dal 50% di maschi e 50% di femmine5, quindi se attratti da un solo sesso si può inserire 0.5 (o, se di più facile comprensione, 50/100).
$f_D$ = frazione di persone che vivono a una certa distanza (stessa città? Stessa regione?). Il numero di abitanti in una certa regione si può trovare facilmente su Wikipedia, va diviso per il numero di abitanti in Italia, per esempio 59.236.213 nel 20216.
$f_E$ = frazione di persone che hanno un’età compatibile (non troppo giovani, non troppo vecchi). I numeri possono essere presi da qui o in alternativa moltiplicare 400.000 (numero di nati ogni anno) per il numero di anni nell’intervallo scelto e dividere per la popolazione italiana. Ad esempio le persone da 7 a 9 anni saranno circa 400.000*3/59236213=2%=2/100=0.02.
$f_A$ = frazione di persone del sesso che ci interessa e che troviamo fisicamente attraenti. Qui bisogna fare una stima. Magari si può chiedere di valutare quanti bambini/e piacciono nella classe e usare il rapporto tra la risposta e il numero di alunni di quel sesso della classe. Es: 5/10 = 0.5.
$f_I$ = frazione di persone del sesso che ci interessa che hanno interessi comuni ai nostri. Si può valutare come sopra.
$f_R$ = frazione di persone che ci trovano attraenti (fisicamente E intellettualmente). Si possono usare gli stessi numeri di sopra, moltiplicandoli tra loro.
$T$ = tempo per cui vogliamo cercare, in anni.

Un aspetto da sottolineare è come ogni fattore diminuisca il numero che inizialmente era molto grande e quindi le moltiplicazioni vanno fatte una per una, riportando ogni volta il risultato.

Un esempio di risultato finale è: G= 400000×0,5×324198÷59236213×0,02×0,5×0,5×0,5×0,5×2=1,4 persone

Il funzionamento dell’equazione di Drake per valutare con quante civiltà extraterrestri potremmo entrare in contatto è analogo, con la differenza che non abbiamo certezze sui numeri da inserire e quindi variando i numeri possiamo ottenere risultati estremamente diversi tra loro.


1 https://www.centroufologiconazionale.net/comunicatistampa/All.Stat2021ufo.pdf
2 https://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_avvistamenti_UFO
3 /uploads/2018/02/why_i_dont_have_a_girlfriend.pdf
4 http://dati.istat.it/viewhtml.aspx?il=blank&vh=0000&vf=0&vcq=1100&graph=0&view-metadata=1&lang=it&QueryId=19535&metadata=DCIS_NATI1
5 https://www.tuttitalia.it/statistiche/popolazione-eta-sesso-stato-civile-2021/
6 https://www.tuttitalia.it/statistiche/popolazione-eta-sesso-stato-civile-2021/

Leggi anche

Biologia: didattica multi-task
Lezioni di Biologia: come iniziare un anno coinvolgente ?
Come prevedere i geni e il sesso di un gatto dal colore del pelo
Studiamo la meccanica con lo smartphone
Convivenza microbica: il microbiota dell’uomo
Vivere negli abissi