Questo l'hai letto? #5
'Sganciando la luna dal cielo' di Gregory Hughes

'Sganciando la luna dal cielo' di Gregory Hughes

Questo l’hai letto? La rubrica di consigli di lettura di DeA scuola. Ogni mese un suggerimento di lettura per gli studenti della scuola secondaria di primo grado, corredato di materiali per le attività in classe: un utile strumento per la didattica dell’italiano e per sviluppare nei ragazzi il piacere di leggere.

Perché leggere questo libro. Sganciando la luna dal cielo può essere definito un romanzo “itinerante” tutt’altro che convenzionale, ricco di avventura, che fa l’occhiolino al surreale e osserva la vita con lo sguardo immediato e un po’ incosciente di due adolescenti.
Il libro scritto da Gregory Hughes parla di famiglia, di coraggio e di determinazione, ma anche della diversità e di come la si può vivere in maniera originale. I due protagonisti, fratello e sorella, non hanno paura di nulla: la loro forza sta nel profondo legame che li unisce e che permette loro di affrontare prove anche molto difficili. Un libro per ragazzi che può piacere (molto) anche agli adulti.

«Farei qualunque cosa, per voi, ragazzi, sgancerei anche la luna dal cielo»

Gregory Hughes, Sganciando la luna dal cielo, Feltrinelli, 2011

La vicenda.

Bob, la voce narrante, e Marie Claire dopo la morte della madre vivono con il papà a Winnipeg, città del Canada ai confini con i territori abitati dai Nativi americani: «Una terra tanto piatta che puoi restare a guardare il tuo cane che scappa per tre giorni». Proprio i Nativi hanno dato a Marie Claire il nome Wazhashnoos, che significa «piccolo roditore» e da cui deriva anche il soprannome con cui tutti la chiamano: “Il Ratto”. Il Ratto è una ragazza decisamente originale: parla quattro lingue, imita qualunque accento, è un’attrice nata, adora il cappuccino, ma, soprattutto, è in grado di vedere il futuro. È così che riuscì a prevedere che la odiosa Tanja, detta “la Terribile”, sarebbe stata colpita da un fulmine, che non la uccise ma la rese balbuziente per mesi. Ed è anche per questo che prevede la morte del padre, e in effetti, un giorno, tornando da scuola, ne trovano il corpo senza vita. Rimasti soli, i due fratelli scartano subito l’idea di finire in un orfanotrofio; quindi, dopo aver sepolto il padre in un modo… poco convenzionale, si mettono in viaggio verso New York, alla ricerca dello zio, Jerome De Billier, di cui possiedono soltanto una fotografia e che, per quanto ne sanno, pare sia uno spacciatore. Raggiungono il confine nascosti nel vagone di un treno merci e poi ottengono un passaggio da un contrabbandiere di sigari, che li fa entrare negli Stati Uniti, fingendo di essere loro zio. Ora Bob e il Ratto affrontano le vie della Grande Mela, inforcando le loro biciclette, alla ricerca di zio Jerome. Vivono avventure indescrivibili: dormono in un parco, mangiano aragoste in un lussuoso ristorante in compagnia di un famoso rapper che li ospiterà nella sua bellissima casa. Incontrano una straordinaria galleria di personaggi: truffatori, ingenui turisti, avvocati radiati dall’albo, mendicanti e imbroglioni. Tra la Quinta Strada e il Bronx più volte Marie Claire può esibirsi in diverse performances dando mostra delle sue doti di attrice. Un crescendo di avventure e suspense, non privo di colpi di scena, che porta il lettore verso un finale inaspettato e commovente.

Attività

1) Il giocatitolo.
Questa è un’attività individuale di scrittura creativa. Si chiede ai ragazzi di imitare il curioso titolo del romanzo, inventandone uno o più simili. Poi dovranno scrivere la trama del libro che potrebbe avere quel titolo. Per esempio: Sfogliando le stelle dell’Orsa Maggiore.

2) Consigli di viaggio.

Questa è un’attività da svolgere in gruppo (max 4 ragazzi). Si chiede ai ragazzi di aiutare Bob e Marie Claire a preparare lo zaino per il viaggio a New York, immaginando di sapere già come andrà, proprio come accade alla ragazza. Dovranno indicare:

  • un oggetto che potrebbe essere utile;
  • una qualità personale necessaria per affrontare il viaggio;
  • una abilità;
  • una password;
  • una parola d’ordine.

Attenzione: la password e la parola d’ordine devono avere a che fare con qualcosa che c’entra con la storia e che solo Bob e Marie Claire conoscono. Dovranno poi scrivere una immaginaria mail ai due ragazzi, con l’elenco, spiegando loro il perché delle scelte fatte, senza però rivelare nulla del viaggio.


Altri articoli da “Questo l'hai letto?”

Questo l'hai letto? #8 ‘I Grigi’ di Guido Sgardoli
Questo l'hai letto? #7 ‘Il castello invisibile’ di Mizuki Tsujimura
Questo l'hai letto? #6 'Il fiore perduto dello sciamano di K' di Davide Morosinotto
Questo l'hai letto? #4 'Splash' di Charli Howard
Questo l'hai letto? #3 Consigli di lettura per l’estate
Questo l'hai letto? #1 'L'estate dei segreti perduti' di Emily Lockhart