Questo l'hai letto? #3
Consigli di lettura per l’estate

<small>Questo l'hai letto? #3</small><br>Consigli di lettura per l’estate

Questo l’hai letto? è la nuova rubrica di consigli di lettura di DeA Scuola. Ogni mese un suggerimento di lettura per gli studenti della scuola secondaria di primo grado, corredato di materiali per le attività in classe: un utile strumento per la didattica dell’italiano e per sviluppare nei ragazzi il piacere di leggere. Per questa estate vi diamo più proposte di lettura perché se riempi uno zaino di libri, avrai una testa piena di sogni!

Proposta n° 1: Paola Zannoner, Il Bardo e la Regina, DeA Planeta, p. 432.

Il Bardo e la Regina è un avvincente affresco storico in cui si mescolano mistero, intrighi, amore. Tutto inizia in una notte tempestosa del 1585, quando un giovane attore, di nome Will, scompare alla fine dello spettacolo in cui ha recitato con enfasi e passione. A rapirlo un gruppo di persone che senza tanti complimenti gli infilano un cappuccio nero sulla testa e lo trascinano verso un luogo sconosciuto. Ma chi è questo giovane attore? Si tratta niente meno che di William Shakespeare, le cui commedie sono tanto apprezzate da Elisabetta I e proprio le spie di Sua Maestà lo arruolano tra gli informatori della Regina. Il giovane Will si trova all’improvviso tra le strade affollate e rumorose di Londra e la sua missione ha poco a che vedere con il teatro. Infatti, dovrà girovagare fra vicoli bui, taverne fumose e puzzolenti, strade infangate attraversate da ogni tipo di uomini e donne: dovrà essere le orecchie di Sua Maestà e riferirle ogni cosa degna di nota. Quello che Will non sa ancora è che il suo destino, a partire da questo momento, sarà legato per sempre a quello della grande sovrana. Avvincente e intrigante, il libro veste di nuovo un genere come quello del romanzo storico e cattura l’attenzione anche dei lettori più giovani.

Proposta n° 2: Davide Morosinotto, Il rinomato catalogo Walker & Dawn, Mondadori, p. 328.

Il rinomato catalogo Walker & Dawn è ambientato nella Louisiana del 1904. Quattro ragazzi dalla vita complicata, Te Trois, Eddie, Julie e Tit, trascorrono le giornate tra il loro Rifugio e il bayou, una zona paludosa e pericolosa dove, però, loro si muovono con grande dimestichezza. Proprio qui, in un barattolo finito in fondo alla palude, trovano tre dollari, una cifra da capogiro che subito decidono di investire acquistando uno degli oggetti proposti dal mitico Catalogo Walker & Dawn, specializzato in vendite per corrispondenza. Dopo la spedizione dell’ordine inizia la spasmodica attesa del pacco, che finalmente arriva. Ma quale delusione quando i ragazzi scoprono che non contiene quanto da loro richiesto, bensì un orologio (che è pure rotto!). Mentre cercano di capire che cosa fare, scoprono che, in realtà, l’orologio è un oggetto di grandissimo valore e prima ancora di rendersene conto si trovano precipitati in una straordinaria avventura, che inizia con un inseguimento mozzafiato e finisce a Chicago, dove la loro vita cambierà per sempre in un modo assolutamente imprevedibile. Avventura, colpi di scena, un pizzico di giallo fanno di questo romanzo, Premio Andersen 2017, una lettura coinvolgente e molto divertente.

Proposta n° 3: Lauren Wolk, L’anno in cui imparai a raccontare storie, Salani, p. 278.

L’anno in cui imparai a raccontare storie è un bellissimo romanzo, giustamente paragonato a Il buio oltre la siepe. Parla di bullismo, di impegno civile e di quanto sia difficile diventare adulti. La vicenda è ambientata in un piccolo paese degli Stati Uniti, nel 1943. Annabelle, la giovane protagonista, vive con la sua famiglia in una grande fattoria. Le sue giornate si svolgono con un ritmo regolare, tra la scuola e le sue attività per dare una mano in casa e nella fattoria. Tutto sembra perfetto e Annabelle è felice e orgogliosa della sua famiglia e della sua vita. Un giorno, però, tutto cambia all’improvviso: in classe arriva Betty, una ragazza arrogante e prepotente che comincia subito a tormentare Annabelle, minacciandola di fare del male a lei o ai suoi fratelli se non farà quello che le chiede. Ma lei non è l’unica vittima di Betty che comincia a muovere gravi e terribili accuse contro Toby, un innocuo vagabondo che si aggira sulle colline senza dare fastidio a nessuno, ma viene percepito come un “diverso” per cui è guardato con diffidenza e anche con paura. Betty non si ferma e porta il suo gioco oltre il limite: e il gioco si trasforma in tragedia e la tragedia genera una grande ingiustizia. Tutto precipita e Annabelle si ritrova “grande” all’improvviso. Deve imparare a prendere decisioni che coinvolgono altre persone e scopre che, a volte, per rimediare a un’ingiustizia e salvare un innocente, bisogna imparare a “raccontare storie”. Un libro avvincente che lascia un importante messaggio per gli adolescenti che guardano al loro diventare adulti.

Proposta n° 4: Annika Thor, Obbligo o verità?, Feltrinelli, p. 176.

Obbligo o verità? è un bel romanzo sul bullismo al femminile, racconta una storia che potrebbe essere vera, una storia di soprusi ma anche di riscatto. Nora e Sabina hanno 12 anni e sono amiche inseparabili… o, almeno, lo sono fino alla fine dell’anno scolastico. Al ritorno dalle vacanze estive, infatti, Sabina è molto cambiata, quasi irriconoscibile, non è più la ragazza piacevole, simpatica e disponibile verso tutti: è diventata arrogante, superficiale, incredibilmente vanitosa. E ha una nuova amica: Fanny. Sabina vuole sembrare più grande di quello che è e si atteggia vestendosi come una vera adolescente. È la leader del gruppo di quelli “giusti”: belli spiritosi, divertenti. Nora è spiazzata, non riconosce più l’amica e soffre per questo. Scopre, però, l’amicizia di Karin, una ragazza molto dolce ma un po’ goffa e per questo esclusa dal gruppo dei “giusti”, che la trasformano nella vittima perfetta dei loro odiosi scherzi. Questi scherzi ben presto diventano delle vere e proprie persecuzioni ai danni della povera Karin e Nora non ha la forza di prendere posizione. Fino a quando dovrà schierarsi…

Attività

1) Il taccuino di viaggio.
Questa è un’attività adatta in particolare alle proposte n° 1 e 2. Immagina di essere un altro protagonista del libro che stai leggendo e annoti su un taccuino tutto quello che succede, le tue impressioni, i tuoi sentimenti, le tue paure. Immagina di dialogare con i personaggi della vicenda e di partecipare alle loro decisioni. Arricchisci il tuo resoconto con immagini e disegni. Alla fine ti ritroverai tra le mani… un altro romanzo!

2) Il diario della lettura.
Questa è un’attività da svolgere individualmente. Spesso dimentichiamo i libri che leggiamo. Prendi allora un quaderno, scrivi la data in cui inizi a leggere il libro che hai scelto e annota le sensazioni che provi leggendo, le tue impressioni, ciò che ti piace e ciò che non ti piace, trascrivi le frasi che ti colpiscono di più. Prendi nota di eventuali suggerimenti che vorresti dare all’autore. Parla dei tuoi personaggi preferiti e di quelli che non ti piacciono. Annota qualche passaggio che ti ricorda altre storie. Prova a immaginare a chi consiglieresti la lettura di questo libro. Alla fine, il tuo quaderno sarà il diario delle tue letture.

3) Impressioni, connessioni, domande.
Questa è un’attività da svolgere individualmente. Prendi un foglio A3 (se non ce l’hai va bene anche un A4), disegna una grande Y in modo che il foglio risulti diviso in tre parti: in alto, tra i due “bracci” della Y scrivi impressioni (Che cosa mi ha colpito di questo libro? Che cosa mi ha emozionato? Che cosa infastidito? Che cosa mi ha fatto riflettere? Che ne penso?); nella colonna di sinistra scrivi connessioni (Quali somiglianze ha con altri libri, con la tua vita, con la realtà che ti circonda?); poi domande (Perché? Che cosa significa? Come mai accade? Perché lo ha scritto così? Perché questo personaggio si comporta in questo modo? Che cosa accadrà?).

Leggi anche

Questo l'hai letto? #4
'Splash' di Charli Howard
#E20/2020 Attualità per la DAD
Il lavoro dalla fabbrica fordista allo smart working
#E20/2020 Attualità per la DAD
La Prima guerra mondiale e le lezioni della Storia
Scoprire i cambiamenti del clima e degli ambienti con il web
Didattica di Scienze della Terra, come rafforzare l’autonomia dello studente
Gli accumulatori – Parte prima