Cyberbullismo: come insegnare la consapevolezza? Intervista a Barbara Laura Alaimo

23/03/2018

Cosa dice la legge sul cyberbullismo? Come possiamo noi educatori aumentare la consapevolezza di come si utilizza la rete ed educare i ragazzi a scoprirne opportunità e rischi?
Barbara Laura Aliamo, pedagogista, counselor ed esperta di cyberbullismo, ci racconta quali sono gli strumenti utili per riconoscere il bullismo e il cyberbullismo, come interpretare la legge 71/2017, quale strategia attuare per contrastarlo nelle proprie aule e come il corso Cyberbullismo ed educazione al digitale offra soluzioni pratiche per l’uso dei media e del web nell’insegnamento.


La legge 71/2017 riconosce alla scuola e ai docenti un ruolo fondamentale nella prevenzione di bullismo e cyberbullismo. Cosa cambia per i docenti?
La legge 71/2017 sul cyberbullismo innanzitutto ci dà una definizione precisa di cosa è il cyberbullismo “qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica” e include anche nel cyberbullismo i comportamenti di isolamento ed esclusione.
Il minore con più di 14 anni o chi esercità la responsabilità su di lui può chiedere in tempi rapiti “l’oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore, diffuso nella rete internet”.
La norma ha un forte carattere “educativo”, più che “repressivo”: la misura sanzionatoria prevista nei confronti del minore che abbia compiuto atti di cyberbullismo è infatti rappresentata dall’ammonimento.
Inoltre, identifica la scuola come il luogo privilegiato di formazione e promozione di un uso consapevole della rete.

Il bullismo – ed ora il cyberbullismo – è un fenomeno nuovo o ha solo assunto un nuovo aspetto con l’avvento delle nuove tecnologie?
Il bullismo è un fenomeno che riguarda le relazioni e che possiamo affermare che sia sempre esistito. Negli anni però ne siamo divenuti sempre più consapevoli e abbiamo iniziato a vederne gli effetti sulle vittime e su chi ne è spettatore. Il web e i social hanno reso evidente questo fenomeno: non possiamo ignorarlo o considerarlo semplicemente come “qualcosa che succede”.
Il cyberbullismo perpetrato attraverso le nuove tecnologie non è un fenomeno diverso dal bullismo, ma ha a disposizione strumenti che ne amplificano gli effetti, quali la rapidità di condivisione e la possibilità di raggiungere un numero elevato di persone.

Come possono gli educatori aumentare la propria consapevolezza di come si utilizza la rete e quindi educare i ragazzi a scoprirne opportunità e rischi?
Chi ha un compito educativo ha il dovere di informarsi: come conosciamo il codice della strada, bisogna oggi conoscere le regole di internet: condizioni di utilizzo, età di iscrizione, indici PEGI (Pan European Game Information) che ci dicono da quando è possibile utilizzare un videogioco; netiquette, opzioni privacy. Siamo noi che scegliamo cosa condividere e mostrare agli altri, e ne dobbiamo essere consapevoli.
Informarsi significa conoscere e capire i linguaggi. Non ci sono manuali per imparare, ma si apprende in modo esperienziale, facendo, sperimentando, provando.
Informarsi è importante, ma non basta. La tecnologia cambia velocemente, ma resterà sempre la voglia comunicare e mettersi in relazioni: in questo siamo noi adulti le persone competenti. L’educazione emotiva è uno dei fattori protettivi più potenti, anche per i rischi del web. Dobbiamo essere una presenza autorevole e sicura, i ragazzi devono sapere che ci siamo se hanno qualche problema.
Infine ricordiamo che “prevenire è meglio che curare” ma promuovere competenze è ancora più efficace: il pericolo più grande è di perdere le opportunità di usare creativamente e responsabilmente gli strumenti. La vera sfida è promuovere un uso creativo, attivo e responsabile della rete.

Quali sono le competenze pratiche che un docente può assimilare dopo avere seguito il corso on line Cyberbullismo ed Educazione al Digitale proposto da DeA Scuola?

I docenti che parteciperanno al percorso, attraverso il lavoro individuale e il confronto con il docente e il gruppo:
– sapranno riconoscere i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo;
– grazie alla presenza dell’Avvocata Tropea, consolideranno le proprie conoscenze legali circa questi due fenomeni;
– sapranno valorizzare e promuovere nei confronti degli studenti l’uso delle tecnologie, pur non sottovalutandone i rischi;
– acquisiranno strumenti per prevenire i rischi relativi all’uso della rete;
– aumenteranno la consapevolezza del proprio ruolo educativo e di accompagnamento nell’uso della rete e delle nuove tecnologie;
– sapranno infine progettare ed attuare percorsi efficaci di prevenzione e contrasto del cyberbullismo e bullismo.

 

Info e iscrizioni al Corso Cyberbullismo ed Educazione al Digitale: www.deaformazione.it/cyberbullismo-ed-educazione-al-digitale/

In «Eventi e formazione»

Creatività e ingegno per il 500mo anniversario di Leonardo: un concorso fra arte, musica e scienza per gli studenti dai 6 ai 30 anni

08/04/2019 da redazione DeaScuola

Riscoprire uno dei lati meno conosciuti del genio di Leonardo da Vinci, ovvero le sue favole, per avvicinare bambini e ragazzi alle meraviglie dell’arte e della scienza dando a tutti pari opportunità: questo in sintesi l’obiettivo di Leonardo 4 Children, l’iniziativa internazionale lanciata in occasione del 500mo anniversario di Leonardo da Vinci dalla Fondazione Carano4Children in collaborazione con diversi partner, tra cui la rete dei ministeri dell’istruzione europei European Schoolnet, Unesco Bruxelles, l’associazione europea dei conservatori, la fondazione Menuhin e il Museo nazionale della scienza e della tecnologia ‘Leonardo da Vinci’ di Milano...

leggi

“Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica”, al via l’edizione 2019

06/02/2019 da redazione DeaScuola

Per l’edizione 2019 le giornate formative gratuite sulla didattica della matematica approdano in Lombardia (15 febbraio), Sicilia (27 febbraio) e Veneto (8 marzo). Torna per la quinta edizione l’attesissimo ciclo di convegni gratuiti sulla didattica della matematica “Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica” promosso da De Agostini Scuola, in qualità di Ente Formatore accreditato MIUR...

leggi

Formazione gratuita per i docenti: tutti i convegni di DeA Scuola per il 2019

30/01/2019 da redazione DeaScuola

Tornano i convegni formativi gratuiti realizzati e promossi su scala nazionale e con cadenza annuale da De Agostini Scuola, Ente formatore accreditato MIUR : un’ampia offerta di appuntamenti rivolta ai docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, con proposte attuali sulle nuove metodologie e tecnologie per l’insegnamento, utili a favorire un apprendimento partecipativo e una didattica innovativa...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA