L’impatto della valutazione sui percorsi di insegnamento/apprendimento della Matematica: cosa abbiamo imparato dall’esperienza e dalla ricerca (e cosa no)

21/03/2018

La valutazione è uno degli elementi del “sistema scuola” che più fortemente impatta sull’insegnamento e sull’apprendimento, nel momento in cui andiamo a considerare i curricoli “reali”: il curricolo implemented, effettivamente realizzato dall’insegnante, e il curriculum attained, quello che effettivamente l’allievo riesce a raggiungere. In discipline come la matematica, la valutazione è anche l’elemento che più pesantemente impatta su alcuni aspetti metacognitivi, come per esempio l’ansia da matematica.

La valutazione impatta sui contenuti: la “storia” del programma reale di Matematica nei licei scientifici (e da lì a cascata negli altri indirizzi scolastici), negli ultimi settant’anni, si è modellata sull’evoluzione della prova scritta dell’esame di Stato. Impatta sulle modalità: il modo con cui si lavora sulla produzione di un testo in Italiano è cambiato da quando, nella prima prova scritta dell’esame di Stato, al classico “tema” si sono aggiunte altre forme di elaborato.

Questo impatto può avere conseguenze negative, e talvolta devastanti (si pensi ai diversi fenomeni di teaching to test), soprattutto nel caso di valutazioni esterne al microsistema classe; al contrario può generare dinamiche positive (in un’ottica di utilizzo della valutazione in funzione formativa), se tutti gli attori del sistema (insegnanti, studenti, famiglie, dirigenti) riescono a utilizzare (e prima ancora a “vedere”) la valutazione per quello che dovrebbe realmente essere. Non è un giudizio, non è una “sentenza”, è piuttosto una fonte indispensabile di informazioni sull’apprendimento degli allievi e sulle caratteristiche dell’insegnamento.

In questa direzione, è fondamentale saper progettare la valutazione in relazione agli obiettivi del percorso, scegliere gli strumenti per una valutazione efficace, organizzare le informazioni ottenute e attribuire e condividere un significato agli indicatori (i voti, nella maggior parte delle situazioni) che vengono restituiti.

 

> Vi aspetto all’evento formativo Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica edizione 2018, che si terrà a Roma il 23 marzo: http://bit.ly/MCD2018

In «Matematica e Scienze»

Come costruire piramidi con gli origami? Ecco le istruzioni per creare una piramide da passeggio!

20/05/2019 da Maria Luisa Spreafico

Voglia proporvi la piegatura origami di una piramide modulare. Questo significa che la piramide si ottiene dall’incastro di più fogli di carta. Il pregio di questo modello è che, a partire da 3 moduli, è possibile aggiungerne altri (fino a 6) per ottenere piramidi di basi variabili...

leggi

A passeggio tra i numeri: un gioco matematico (e primaverile) da portare in classe

13/05/2019 da Paola Morando

La bella stagione è ormai cominciata e diventa ogni giorno più difficile ottenere l’attenzione dei nostri studenti le cui menti, complici le belle giornate, tendono a divagare sempre più spesso. Ed ecco perché questo potrebbe essere un buon momento per proporre questo gioco che ha lo scopo di ripassare i criteri di divisibilità più semplici in maniera divertente e veloce...

leggi

La simulazione di seconda prova scritta di Matematica e Fisica del 2 aprile 2019 con l’uso della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50

24/04/2019 da Gruppo Formatori Casio

Dall’analisi dei problemi e dei quesiti della seconda simulazione della prova di Matematica e Fisica per l’Esame di Stato nei licei scientifici svoltasi il 2 aprile 2019 emerge, in analogia con la precedente simulazione, come l’utilizzo consapevole della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50 possa agevolare gli studenti nella risoluzione di alcune richieste...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA