Mini-corso su Apprendimento e natura del linguaggio

15/06/2016

 Il linguaggio umano contiene uno dei paradossi più inaspettati della natura: un cervello finito, frutto dell’evoluzione, che produce un codice che non si evolve, in grado di generare frasi infinite. – A. Moro

La struttura delle lingue non è un fatto culturale, arbitrario e convenzionale ma dipende dall’architettura del cervello che ne permette l’acquisizione spontanea nei bambini.

In questa pagina vi proponiamo un mini corso organizzato in 9 video a cura di Andrea Moro, neuroscienziato IUSS PAVIA. Moro ci illustra cosa accade quando la linguistica e le neuroscienze si incontrano e parlano del linguaggio.
Partendo dall’architettura del cervello e dalla sua organizzazione, capiremo come le regole del linguaggio dipendono dal cervello stesso. Un vero e proprio viaggio tra linguistica e neuroscienze, dalla scoperta del dottor Broca-antropologo e neurologo francese di metà ottocento- alle tecniche di neuroimmagini, utilizzate oggi per studiare le capacità elettriche del cervello di formulare delle frasi ed esprimerle. Che ruolo ha la sintassi? Come il cervello mette insieme delle parole per dare un senso compiuto?
Nel corso scopriremo come il linguaggio verbale e quello non verbale influenzano la nostra comunicazione e quali sono i meccanismi che permettono l’acquisizione delle lingue nei bambini.
Il messaggio finale di questo contributo è quello di sensibillizzare verso l’investimento nella ricerca scientifica e la diffusione delle conoscenze. Un esempio? Le scoperte sul codice elettrico del cervello umano permetteranno alle persone con danni cerebrali di poter comunicare.

Ecco le 9 video-pillole del prof. Andrea Moro (che troverete aggiornate in questa pagina nel corso dei prossimi mesi) registrate durante il convegno “A scuola di Scienza” di Bologna, organizzato da DeAScuola per i docenti nel 2016:

1- La linguistica e le neuroscienze si incontrano e parlano del linguaggio:

2 – Esploriamo il cervello attraverso due vie: DOVE i neuroni si attivano e COSA comunicano tra loro 

3 – Conoscere le regole della sintassi, il significato e i metodi di comunicazione per comprendere la via del DOVE 

4 – La via del DOVE si attivano le regole che mettono i contatto i neuroni 

5 – Le tecniche di neuroimmagine ci permettono di conoscere l’attività del scervello 

6 – La via del COSA dicono i neuroni ai neuroni vicini 

7 – Il linguaggio 

8 – Con la neurochirurgia possiamo capire come le onde interagiscono 

9 – Gli investimenti per la ricerca in Italia

In «Matematica e Scienze»

Il mimo al buio, il telefono senza fili multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi

Quale INVALSI per l’ultimo anno di scuola secondaria di secondo grado?

19/09/2018 da Giorgio Bolondi

L’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione – la Maturità, per usare il termine comune e familiare – vive da alcuni anni un periodo in cui regna l’incertezza. Una prima ipotesi di buon senso voleva che l’Esame venisse riorganizzato (ridisegnato?) nel momento in cui la prima coorte di studenti che aveva frequentato fin dall’inizio il secondo ciclo riformato, con i nuovi indirizzi, le nuove Indicazioni Nazionali e le nuove Linee Guida, fosse giunta al termine del percorso...

leggi

Per iniziare bene… giochiamoci su!

11/09/2018 da Paola Morando

Eccoci qua, pronti per ricominciare. Tra qualche giorno saremo di nuovo in classe, di fronte a ragazzi più abbronzati, più alti, forse anche più maturi di quelli che abbiamo lasciato a giugno, ma non facciamoci illusioni: dai più silenziosi ai più irrequieti, sono tutti ancora con la testa in vacanza! Sappiamo per esperienza che ci vorranno almeno un paio di settimane per riuscire a ottenere tutti i libri, i quaderni e soprattutto tutti i cervelli accesi ed è quindi perfettamente inutile accanirsi nel disperato tentativo di iniziare da subito a svolgere il programma...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA