| Lettere e storia

E20. L'attualità in classe/ Salute e vaccini

02/05/2018 da Enrico Caporale

Dopo l’approvazione del decreto vaccini (2017) in Italia è braccio di ferro tra pro e no-vax. La nuova legge, che obbliga i bambini fino ai sei anni a vaccinarsi per l’iscrizione a scuola e sanziona i genitori che non provvedono alla loro sicurezza, viene intesa da molti come una minaccia alle libertà individuali...

leggi

In classe con l'autore: il nuovo progetto di DeA Planeta Libri

20/03/2018 da redazione DeaScuola

Come trasformare i giovani di oggi in lettori accaniti? Come portarli a riflettere sui grandi temi di attualità e informazione? DeA Planeta Libri presenta il nuovo progetto “In classe con l’autore” per contribuire allo sviluppo della passione dei giovani per la letteratura e guidarli nella riflessione su tematiche importanti della cultura contemporanea, come il girl power, i valori di accoglienza ed amicizia, il razzismo e l’immigrazione...

leggi

Geografia e nuovo Esame di Stato: intervista al prof. Mario Castoldi

22/02/2018 da Redazione Geografia

Mario Castoldi, docente di Didattica e Pedagogia speciale presso l’Università di Torino, è curatore scientifico del volume Traguardo Esame che De Agostini Scuola propone ai docenti di Lettere per guidare le proprie classi ad affrontare il nuovo Esame di Stato della Secondaria di Primo Grado...

leggi

Giorno della Memoria: proposte didattiche per una lezione non retorica

16/01/2018 da redazione DeaScuola

Come si può raccontare l’orrore dell’Olocausto agli studenti? Come è possibile parlare della Shoah e del Giorno della Memoria anche se sono lontani dal periodo storico che si sta studiando? La Memoria non si insegna...

leggi

Perché Fantozzi è antologizzato persino nei manuali di letteratura?

04/07/2017 da redazione DeaScuola

Chi è Fantozzi, e perché abbiamo deciso di antologizzare le pagine di un autore comico nel manuale Cuori Intelligenti? Fantozzi è un impiegato di medio-basso livello di una grande azienda (non se ne scopre mai il nome, né si viene mai a sapere che cosa produca, o di che cosa si occupi)...

leggi

E20/ L'attualità in classe. Dall’Ungheria al Messico, il mondo dei muri

24/03/2017 da Enrico Caporale

Il muro più famoso della storia, quello di Berlino, ha smesso di dividere la capitale tedesca nel 1989. Sembrava l’alba di un mondo nuovo, aperto, eppure da allora il numero di barriere è aumentato velocemente...

leggi

E20. L'attualità in classe/ Il sogno incompiuto di Obama

11/01/2017 da Enrico Caporale

È la notte del 4 novembre 2008 quando gli Stati Uniti eleggono il primo presidente di colore. Figlio di un africano e di una donna bianca, cresciuto alle Hawaii con i nonni del Kansas, Barack Obama conquista la maggioranza degli americani con un messaggio di speranza e cambiamento...

leggi

Cosa puoi fare con un dizionario di italiano? Piccola guida (pratica) all'uso

06/12/2016 da redazione DeaScuola

Nell’epoca degli errori ed orrori da tastiera e dei correttori automatici, cosa possiamo fare con un Dizionario di Italiano? Con un Dizionario di Italiano puoi: 1- cercare il significato di una parola: perché difficile (cosa vorrà dire callido?), perché nuova (cosa sarà un hashtag?), perché specifica e settoriale (che disturbi cura un osteopata?); 2- cercare il significato di una locuzione (cosa vuol dire all’acqua di rose?), di un modo di dire (dove va a finire l’acqua passata?), di un proverbio (cosa sarà la famosa acqua cheta che rode i ponti?); 3- cercare come si pronuncia una parola (si dice rùbrica o rubrìca?), e come si sillaba se devo andare a capo (meglio dividere tec-ni-ca o te-cni-ca?); 4- cercare se una parola è un nome, un articolo, un aggettivo, un pronome, un verbo, un avverbio, una preposizione, una congiunzione oppure (perdindirindina!) un’interiezione; 5- cercare come un verbo irregolare viene coniugato (si dice maledicevo o maledivo? soddisfaccio o soddisfo?), cercare qual è il plurale di un nome (ciliegie o ciliege?), cercare se un nome ha il femminile (la presidentessa o la presidente?); 6- cercare un esempio dell’uso di una parola, conoscere la preposizione che regge (capace di fare o capace a fare?), i complementi che la accompagnano (abdicare il trono o abdicare al trono?); 7- cercare un sinonimo (una trama appassionante, o anche coinvolgente) o un contrario (il metallo gelido oppure rovente), un analogo (l’alba non ha sinonimi, ma la sua analoga è l’aurora, che è il chiarore che l’accompagna), uno specifico o un generico (la forchetta è più specifica della generica posata), un reciproco (se io compro è perché qualcuno, reciprocamente, vende; se c’è una madre, qualcuno reciprocamente ne è il figlio); 8- cercare un alterato: un diminutivo (un libro e un libriccino), un accrescitivo (un amico e un amicone), un peggiorativo (un gatto e un gattaccio), un vezzeggiativo (una bottega e una botteguccia); 9- cercare l’origine di una parola: da dove viene il nome della pizza margherita? Perché la velina della tv si chiama così?; 10- scorrere la pagina e perdersi in mezzo alle parole, facendosi conquistare dalla bellezza, dalla vastità e dalla varietà della lingua italiana...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA
>