ADHD: una prima introduzione ad uno dei più frequenti disturbi dell'età evolutiva

04/11/2015

*Questo articolo è tratto dalla presentazione del seminario tenuto dai Collaboratori di AIFA Onlus (Associazione Italiana Famiglie ADHD Onlus) per DeaScuola*

L’ADHD è uno dei più frequenti disturbi neuropsichiatrici dell’età evolutiva ma poco conosciuto e spesso inadeguatamente trattato

Uno dei problemi dei bambini ADHD è che apparentemente essi sembrano bambini normali: nessun segno esteriore è in grado di indicare che c’è “qualcosa che non va”. Genitori, insegnanti, educatori, pediatri possono però cogliere dei segnali/sintomi della patologia nel comportamento dei bambini. L’ADHD è caratterizzato da tre sintomi: disattenzione, impulsività ed iperattività.

La disattenzione (o facile distraibilità) si manifesta soprattutto come scarsa cura per i dettagli, difficoltà a memorizzare i contenuti ed a interiorizzare le regole, incapacità di portare a termine le azioni intraprese: i bambini appaiono costantemente distratti, come se avessero altro in mente, evitano di svolgere attività che richiedono attenzione per i particolari o abilità organizzative, perdono frequentemente oggetti significativi e dimenticano attività importanti.

L’impulsività si manifesta come difficoltà ad organizzare azioni complesse, con tendenza a cambiare rapidamente un’attività con un’altra e difficoltà ad aspettare il proprio turno in situazioni di gioco e/o di gruppo.

L’impulsività è generalmente associata all’iperattività: questi bambini vengono descritti come “mossi da un motorino”, hanno difficoltà a rispettare le regole, i tempi e gli spazi dei coetanei e si muovono in modo incongruo ed afinalistico. A scuola trovano spesso difficile anche rimanere seduti. I tre sintomi cardine possono essere presenti in percentuali diverse.

Ciò dà vita a tre sottotipi diversi e, quindi, a tre possibili diagnosi:
• Sottotipo iperattivo/impulsivo con iperattività e impulsività predominante
• Sottotipo inattentivo con deficit d’attenzione prevalente
• Sottotipo misto dove sono presenti tutti e tre i sintomi

I sintomi dell’ADHD

I sintomi dell’ADHD possono non essere gli stessi per tutti :

-Prevalentemente Inattentivo:

• Facilmente distraibile
• Non eccessivamente iperattivo/impulsivo

Prevalentemente Iperattivo/Impulsivo:

• Estremamente Iperattivo/Impulsivo
• Può non avere sintomi di inattenzione
Gli studi epidemiologici, condotti in molti paesi del mondo, compresa l’Italia, stimano che dal 3 al 5% della popolazione in età scolare presenta l’ADHD. La prevalenza delle forme particolarmente severe è stimata intorno all’1% della popolazione in età scolare. L’ADHD è un disturbo neurobiologico, dovuto alla disfunzione di alcune aree e di alcuni circuiti del cervello ed allo squilibrio di alcuni neurotrasmettitori (come noradrenalina e dopamina), responsabili del controllo di attività cerebrali come l’attenzione e il movimento.

CAMPANELLI D’ALLARME:

  • non presta attenzione
  • ha difficoltà a memorizzare i contenuti ed a interiorizzare le regole
  • ha difficoltà a mantenere l’attenzione su compiti e giochi
  • apparentemente non ascolta chi parla e non segue le istruzioni
  • ha grandi difficoltà ad organizzarsi nei compiti e nelle attività
  • cerca di evitare attività che richiedono uno sforzo mentale protratto
  • perde continuamente oggetti personali o materiale scolastico
  • spara le risposte prima che sia finita la domanda
  • interrompe continuamente chi parla
  • è invadente o parla in continuazione
  • si muove in modo incongruo ed afinalistico

 

// Per approfondire l’argomento visita l’area BES del sito DeaScuola.it

 

In «BES»

Difficoltà di apprendimento in Geografia: i consigli di Emil Girardi di Canalescuola

05/03/2018 da Redazione Geografia

Lo studio della Geografia può essere un problema per molti studenti, non solo per quelli con bisogni educativi speciali. Si rende necessario spostare l’attenzione didattica dai contenuti alla modalità di fruizione, utilizzando nuovi strumenti...

leggi

Didattica inclusiva e personalizzazione dell'insegnamento. Cosa sono?

07/01/2016 da redazione DeaScuola

Viviana Rossi, responsabile area BES di DeAScuola, presenta in questo video i materiali sulla didattica inclusiva presenti sul sito deascuola.it. Perché oggi è importante parlare di apprendimento, personalizzazione dell’insegnamento e inclusione? Partendo dal presupposto che oggi l’apprendimento dovrebbe essere centrato sulla persona e sull’alunno, con i suoi vissuti, le sue potenzialità e i suoi valori, la personalizzazione dell’insegnamento deve essere considerata come la chiave del futuro dell’apprendimento...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA