Laboratorio di Scrittura Italiana per la primaria: sei schede da usare in classe

22/05/2017

Quante volte in classe si chiede agli alunni di descrivere un oggetto, una persona o un animale? Troppo spesso le descrizioni risultano piatte, banali, troppo sintetiche? La giornalista, traduttrice e scrittrice Beatrice Masini ha realizzato alcune schede di lavoro per il nuovo sussidiario “Tanti Modi per Leggere” per le classi quarte (http://bit.ly/2lm1Fnb). Si tratta di un vero e proprio Laboratorio di scrittura che ha l’obiettivo di stimolare e guidare i piccoli scrittori nella loro fase creativa.


 

Nessuno si aspetta che un bambino o una bambina di quarta scriva un romanzo. Ci mancherebbe altro. Però c’è qualcuno tra chi sta leggendo queste righe che sicuramente ha pensato di scrivere un romanzo. O magari anche solo una storia, o un racconto.

Tu? O tu? Magari qualcuno ci ha anche provato.
Non c’è bisogno di alzare la mano o di dirlo. Gli aspiranti scrittori hanno qualcosa negli occhi, una lucina che si accende e brilla. Spesso restano in incognito per anni, come le spie, e poi bam, ecco il libro. È bella, questa cosa dell’incognito. Gli scrittori sono come spie del mondo.
Se sei uno o una che già scrive, è una bella cosa. Complimenti. Vai avanti così. Se ci hai provato, avrai capito che non è facile. È bello, ma non è facile. Ed è un lavoro solitario, da fare con pazienza, in silenzio, nella propria camera. Bastano un quaderno e una penna. Un computer, volendo. Ma soprattutto bisogna avere la testa accesa. Il libretto di istruzioni non esiste, e se anche esistesse non si trova qui.
E allora che cosa c’è in queste pagine? Stiamo consumando alberi per niente?
No. Anche se tu, tu e tu non vorrete mai scrivere un romanzo – e non c’è niente di male: magari costruirete un’automobile che va ad aria, e tutto il mondo vi ringrazierà – una cosa che tutti dovremmo fare è imparare a trattare bene la nostra lingua.
Le parole sono importanti. Hanno un senso e un suono. Sono belle (quasi tutte: ce ne sono anche di meno belle, non è colpa loro). Servono per comunicare. Usarle bene è fondamentale.

 

Beatrice Masini

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

 

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

 

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

 

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

In «Primaria»

Concorso fotografico AIIG: le fotografie scelte dalla Giuria popolare social

23/07/2018 da Redazione Geografia

Si è conclusa la prima fase del concorso “Fotografi di classe 2018: I luoghi dell’incontro. Gli spazi della socialità e del dialogo nell’Italia di oggi”, promosso dall’Associazione Italiana degli Insegnanti di Geografia e sostenuto da De Agostini Scuola e Fondazione Italia Patria della Bellezza...

leggi

#EduDay 2018: De Agostini e weDraw partner dell'evento Microsoft

16/05/2018 da redazione DeaScuola

De Agostini Scuola partecipa alla terza edizione di #EduDay, l’iniziativa di Microsoft e dell’USR di Regione Lombardia volta a mostrare le innovazioni e le tecnologie a supporto della scuola. L’evento, previsto per il 17 maggio presso la Microsoft House di viale Pasubio 21 a Milano, vede la partecipazione di De Agostini Scuola con un’area espositiva e laboratoriale e l’organizzazione di un workshop per i docenti...

leggi

Concorso “Fotografi di classe 2018”: vota le tue fotografie preferite!

03/05/2018 da Redazione Geografia

Il 20 aprile è scaduto il termine di consegna delle fotografie per il concorso “Fotografi di classe 2018: I luoghi dell’incontro. Gli spazi della socialità e del dialogo nell’Italia di oggi”, promosso dall’Associazione Italiana degli Insegnanti di Geografia e sostenuto da De Agostini Scuola e Fondazione Italia Patria della Bellezza...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA