Laboratorio di Scrittura Italiana per la primaria: sei schede da usare in classe

22/05/2017

Quante volte in classe si chiede agli alunni di descrivere un oggetto, una persona o un animale? Troppo spesso le descrizioni risultano piatte, banali, troppo sintetiche? La giornalista, traduttrice e scrittrice Beatrice Masini ha realizzato alcune schede di lavoro per il nuovo sussidiario “Tanti Modi per Leggere” per le classi quarte (http://bit.ly/2lm1Fnb). Si tratta di un vero e proprio Laboratorio di scrittura che ha l’obiettivo di stimolare e guidare i piccoli scrittori nella loro fase creativa.


 

Nessuno si aspetta che un bambino o una bambina di quarta scriva un romanzo. Ci mancherebbe altro. Però c’è qualcuno tra chi sta leggendo queste righe che sicuramente ha pensato di scrivere un romanzo. O magari anche solo una storia, o un racconto.

Tu? O tu? Magari qualcuno ci ha anche provato.
Non c’è bisogno di alzare la mano o di dirlo. Gli aspiranti scrittori hanno qualcosa negli occhi, una lucina che si accende e brilla. Spesso restano in incognito per anni, come le spie, e poi bam, ecco il libro. È bella, questa cosa dell’incognito. Gli scrittori sono come spie del mondo.
Se sei uno o una che già scrive, è una bella cosa. Complimenti. Vai avanti così. Se ci hai provato, avrai capito che non è facile. È bello, ma non è facile. Ed è un lavoro solitario, da fare con pazienza, in silenzio, nella propria camera. Bastano un quaderno e una penna. Un computer, volendo. Ma soprattutto bisogna avere la testa accesa. Il libretto di istruzioni non esiste, e se anche esistesse non si trova qui.
E allora che cosa c’è in queste pagine? Stiamo consumando alberi per niente?
No. Anche se tu, tu e tu non vorrete mai scrivere un romanzo – e non c’è niente di male: magari costruirete un’automobile che va ad aria, e tutto il mondo vi ringrazierà – una cosa che tutti dovremmo fare è imparare a trattare bene la nostra lingua.
Le parole sono importanti. Hanno un senso e un suono. Sono belle (quasi tutte: ce ne sono anche di meno belle, non è colpa loro). Servono per comunicare. Usarle bene è fondamentale.

 

Beatrice Masini

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

 

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

 

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

 

14035_TMP_SCRITTURA_4_069_096_masini.indd

In «Primaria»

“Fotografi di classe” 2019: il Paese che vorrei

14/01/2019 da Redazione Geografia

  Quali paesaggi, intorno a noi, ospitano la bellezza che vorremmo preservare per il futuro? Quali ambienti, invece, sono simbolo di un degrado che dobbiamo impegnarci a sconfiggere? In quali spazi si mettono in atto progetti per costruire una società più giusta e interculturale, e chi sono i loro protagonisti? Dove si trovano, invece, esempi di emarginazione su cui richiamare l’attenzione? L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei...

leggi

Il percorso geocartografico “Gli strumenti del geografo”

07/11/2018 da Redazione Geografia

Il 10 e il 24 novembre, presso la Sapienza Università di Roma, si terrà la manifestazione “Gli strumenti del geografo”, che ha lo scopo di valorizzare e diffondere la cultura geografica. L’iniziativa prevede percorsi espositivi e attività didattiche alla scoperta della geografia e dei suoi strumenti, antichi e moderni...

leggi

È on line il nuovo deascuola! (E tra i nostri nuovi superpoteri ci siete anche voi)

03/10/2018 da redazione DeaScuola

Per progettare il nuovo sito deascuola.it siamo partiti da voi. Abbiamo intervistato docenti, genitori e studenti e le interviste qualitative che vi abbiamo fatto ci hanno permesso di comprendere le abitudini, i benefici, i problemi riscontrati, il livello di soddisfazione e le aspettative dei reali utilizzatori del nostro sito e dei nostri servizi...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA