Back to school, back to Math!

05/09/2018

Settembre: il ricordo delle vacanze comincia a sbiadire e l’inizio dell’anno scolastico incombe impietosamente. E anche quest’anno ci troviamo di fronte a una grande sfida: riportare in classe la tanto odiata e vituperata matematica!

Qualche giorno fa, riflettendo sulle ragioni per cui questa materia (ai miei occhi tanto divertente e appassionante!) riscuota da sempre un così scarso successo tra gli studenti, ho realizzato che forse il problema sta nel fatto che… la matematica non si impara per contemplazione! Guardare qualcuno che svolge esercizi di matematica alla lavagna (oltre a essere oltremodo noioso!) non ci mette automaticamente in grado di svolgere autonomamente esercizi analoghi: per capire un nuovo concetto è indispensabile sporcarsi le mani e provare a ragionarci su da soli. D’altra parte i nostri studenti sono sempre più assuefatti al comodo ruolo passivo di spettatori (pensate a quante ore trascorrono guardando video di ogni genere su YouTube!) e questo ci costringe a cercare nuove strategie per spingerli ad accendere il cervello durante le lezioni di matematica.

E allora perché non iniziare l’anno in un modo un po’ diverso, sostituendo la classica lezione di ripasso con una più coinvolgente gioco matematico di caccia all’errore?

Ecco come fare! Come prima cosa mettete in palio un premio: magari uno sconto sui compiti delle vacanze (che molti dei vostri studenti stanno penosamente completando di copiare dal gruppo WhatsApp della classe!) o la possibilità di giustificarsi una volta per una futura interrogazione o anche mezzo punto aggiuntivo nella prossima verifica.  Poi spiegate le regole del gioco: voi svolgerete degli esercizi di ripasso alla lavagna, alcuni in modo corretto e altri invece in modo errato. Gli studenti dovranno trovare e segnalare l’errore (nel caso in cui ci sia) e il premio verrà assegnato allo studente che, al termine della lezione, avrà individuato il maggior numero di errori. Ovviamente, per scoraggiare il proliferare di tentativi a caso, a ogni segnalazione errata verrà assegnato un punteggio negativo!

Scegliete esercizi molto semplici e con pochi conti, nei quali però riproporrete gli errori tipici degli studenti. L’idea è quella di svolgere un gran numero di esercizi brevi e di alternare soluzioni errate a soluzioni corrette: sarà divertente osservare come gli studenti si accaniscano a trovare errori inesistenti anche nei passaggi più innocui!

Per esempio potete risolvere l’equazione

 

 

 

dividendo per  x entrambi i membri e ottenendo x – 2 = 3 e quindi x = 5 (e perdendo in questo modo la soluzione x = 0), oppure potete risolvere la disequazione

 

 

 

 

moltiplicando per x e ottenendo come  soluzione (errata!) x < 2,  o anche elevare al quadrato entrambi i membri per risolvere

 

 

 

e così via.

In questo modo gli studenti, invece che copiare pedissequamente dalla lavagna, saranno stimolati a capire che cosa state facendo e, nel caso ci prendessero gusto… potrebbero anche continuare a farlo per il resto dell’anno scolastico!

In «Matematica e Scienze»

Il mimo al buio, il telefono senza fili multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi

Quale INVALSI per l’ultimo anno di scuola secondaria di secondo grado?

19/09/2018 da Giorgio Bolondi

L’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione – la Maturità, per usare il termine comune e familiare – vive da alcuni anni un periodo in cui regna l’incertezza. Una prima ipotesi di buon senso voleva che l’Esame venisse riorganizzato (ridisegnato?) nel momento in cui la prima coorte di studenti che aveva frequentato fin dall’inizio il secondo ciclo riformato, con i nuovi indirizzi, le nuove Indicazioni Nazionali e le nuove Linee Guida, fosse giunta al termine del percorso...

leggi

Per iniziare bene… giochiamoci su!

11/09/2018 da Paola Morando

Eccoci qua, pronti per ricominciare. Tra qualche giorno saremo di nuovo in classe, di fronte a ragazzi più abbronzati, più alti, forse anche più maturi di quelli che abbiamo lasciato a giugno, ma non facciamoci illusioni: dai più silenziosi ai più irrequieti, sono tutti ancora con la testa in vacanza! Sappiamo per esperienza che ci vorranno almeno un paio di settimane per riuscire a ottenere tutti i libri, i quaderni e soprattutto tutti i cervelli accesi ed è quindi perfettamente inutile accanirsi nel disperato tentativo di iniziare da subito a svolgere il programma...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA