Disposizione dei banchi in classe: 8 idee per rinnovare lo spazio didattico

11/04/2018

Come si può cambiare la disposizione dei banchi della propria classe e rendere l’apprendimento più coinvolgente e, perché no, divertente e stimolante?
Lo spazio, inteso come “contenitore fisico e materiale in cui si realizza l’insegnamento” è un elemento da non trascurare: è importante scegliere la disposizione dei banchi, la posizione della cattedra e l’uso delle pareti, in funzione anche della materia di insegnamento e del tipo di didattica che si vuole attuare.

Ecco quindi le 8 disposizioni dei banchi che potete sperimentare nella vostra classe:

FERRO DI CAVALLO
Questa disposizione si rivela utile per lezioni frontali e discussioni in classe, perché permette di vedersi tutti in volto. È una buona soluzione anche per lezioni che prevedono l’utilizzo di LIM, perché permette di focalizzare l’attenzione degli studenti sullo strumento tecnologico e agevola l’interazione con esso, con il docente e con i propri compagni.
D’altra parte, però, questo assetto può risultare più difficile da gestire da parte dell’insegnante e si creano problemi di vista per chi è vicino alla porta o alla finestra.

disposizione_banchi_ferro_di_cavallo

 

SERPENTONE
I banchi sono affiancati con uno sviluppo casuale a domino e la cattedra è disposta all’angolo dell’aula, tra le finestre e la lavagna. Questa disposizione dei banchi favorisce la socializzazione ed integrazione di ragazzi con difficoltà di varia natura, ma non favorisce linee di fuga in caso di incendio e anche in questo caso ci sono problemi di illuminazione.

disposizione_banchi_serpentone

A GRUPPI
Quattro/cinque banchi sono organizzati a formare un grande tavolo: è una disposizione molto usata all’estero per l’apprendimento cooperativo, per facilitare la socializzazione e l’interazione tra gli studenti e particolarmente valida per classi poco numerose. Questa disposizione di banchi permette anche all’insegnante di girare tra i diversi gruppi e svolgere attività di tutoring e assistenza. È invece poco opportuna in caso di spiegazione dell’insegnante o di copiatura dalla lavagna perché costringe parte degli studenti a continue torsioni.

disposizione_banchi_gruppi

 

A ISOLE
Anche questa disposizione è ottimale per l’apprendimento cooperativo: la classe è suddivisa in piccoli gruppi mediante criteri stabiliti dal docente e in funzione dell’attività da svolgere. Questa disposizione dei banchi può fornire risultati migliori poiché gli studenti si confrontano vicendevolmente ed ognuno può apportare il proprio contributo arricchendo le conoscenze degli altri.  Una maniera per creare senso di unità e responsabilità potrebbe essere quella di assegnare ad ognuno un nome ed organizzare una gerarchia di leadership.

disposizione_banchi_isole

CORRIDOIO
Questa disposizione dei banchi pone l’attenzione sull’insegnante, il quale, mentre parla, può muoversi liberamente avanti e indietro tra le due file di banchi posti frontalmente. Funziona meglio con classi piccole ed è ideale per le discussioni e letture in classe e garantisce una maggiore attenzione verso l’insegnante. D’altra parte, questa configurazione occupa spazio all’interno dell’aula rendendola inadatta a classi più numerose e può inoltre ostacolare i lavori di gruppo.

disposizione_banchi_corridoio

CONFERENZA
Gli studenti siedono tutti insieme attorno ad un unico tavolo: questa configurazione simula un possibile futuro ambiente lavorativo e permette agli studenti di prepararsi fin da subito a parlare in pubblico e a turni, rispettando i tempi e le opinioni dei compagni. Anche in questo caso questa disposizione dei banchi si adatta meglio a classi più piccole, supportando il dialogo di gruppo e quello di coppia, mentre un numero elevato di studenti potrebbe rendere la discussione più caotica.

disposizione_banchi_conferenza

 

STADIO
I banchi sono raggruppati ma disposti frontalmente rispetto alla cattedra; come per la passerella, è un assetto che funziona meglio per tipologie di lezione dove bisogna porre attenzione all’insegnante. Questa disposizione di banchi consente all’insegnante di vedere cosa fa ognuno degli studenti e viceversa, ma potrebbe risultare inadatto per classi numerose, perché gli studenti seduti nelle file dietro avrebbero problemi di visibilità, sia dell’insegnante che della lavagna.

disposizione_banchi_stadio

 

PARTNERSHIP
Gli studenti sono divisi a coppie e siedono uno di fronte all’altro. La configurazione incoraggia la collaborazione e piccole discussioni in classe ed è una disposizione di banchi ideale per tipologie di lezioni in cui gli studenti sono tenuti a collaborare tra di loro, permettendo di lavorare più facilmente con il compagno e garantendo meno distrazioni rispetto ad una disposizione a gruppi.
disposizione_banchi_partnership

 

 

In «Didattica»

Matematica e didattica: letture sotto l’ombrellone

05/07/2018 da redazione DeaScuola

La scuola è ormai finita ed è arrivato il momento di godersi un po’ di meritato riposo. Vi state già annoiando sotto l’ombrellone? State pensando che malgrado gli enormi sforzi profusi quest’anno, la matematica continua a essere una delle discipline più ostiche per i vostri studenti? Per venire incontro ai docenti e fornire loro strumenti per una didattica più coinvolgente ed efficace è nata “Nuove convergenze”, una collana interamente dedicata ai problemi dell’insegnamento della matematica nei diversi cicli scolastici...

leggi

La gastronomie française: 4 dossier per scoprire la cucina francese

19/06/2018 da redazione DeaScuola

La gastronomia francese è famosa in tutto il mondo per la sua storia e la sua raffinatezza e presenta un’infinita varietà di pietanze che spaziano dalla cucina regionale alla pregiata nouvelle cuisine...

leggi

Calendario scolastico 2018/2019: quando si torna a scuola?

15/06/2018 da redazione DeaScuola

Anche se settembre è ancora lontano, tutte le Regioni hanno deliberato il calendario scolastico 2018/2019. Quando si torna a scuola a settembre 2018? Quali sono gli studenti che torneranno per primi sui banchi di scuola? Ecco le date aggiornate del calendario scolastico 2018-2019 Regione per Regione...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA