La calcolatrice grafica nella seconda prova scritta dell’esame di Stato

05/04/2018

Il 4 aprile 2018 è stata pubblicata dal MIUR la nota sull’uso delle calcolatrici scientifiche e/o grafiche all’esame di Stato, con l’elenco dei modelli che si possono utilizzare. Si trova qui.

Sono permesse le calcolatrici grafiche purché non siano CAS (Computer Algebra System), ovvero non abbiano capacità di calcolo simbolico.
Le calcolatrici grafiche erano state permesse nell’esame del 2017, ma con questa circolare il MIUR torna in modo più preciso sulla questione, pubblicando anche un elenco di modelli permessi (delle quattro maggiori case produttrici mondiali di calcolatrici: Casio, HP, Sharp e Texas Instruments).
In questo modo l’Italia si è allineata con molti altri Paesi che da tempo permettono nelle prove d’esame modelli CAS o non-CAS. L’elenco permetterà alle Commissioni di controllare in modo rapido se le calcolatrici in possesso dei candidati rientrano tra quelle autorizzate.
Nella tabella allegata alla circolare, accanto ai modelli più recenti, sono anche elencati dei tipi di calcolatrici non più in commercio. Questo per permettere agli studenti di utilizzare dei modelli, “vecchi” al massimo di 5 anni, già in loro possesso.
Viene ribadito che le calcolatrici grafiche sono autorizzate nella seconda prova scritta per tutti gli indirizzi di studio; quindi possono essere utilizzate anche nella seconda prova delle discipline scientifico tecniche, non solo nei licei scientifici.
Come si era previsto, occorre una formazione didattica degli insegnanti, oltre a quella degli studenti, per utilizzare questi strumenti.
Prima di tutto occorre trasmettere agli studenti che per usare queste calcolatrici è necessario conoscere bene la matematica. La calcolatrice grafica (non CAS) può permettere di controllare dei calcoli e di visualizzare velocemente dei grafici, ma bisogna saperla guidare e sapere interpretare ciò che si vede sul display per poi motivare sul compito d’esame quel che si vede nel grafico.
Tuttavia è indubbio che, se ben usate, le calcolatrici grafiche possono fornire un grande aiuto durante la prova!

Per spunti sull’uso didattico della calcolatrice grafica nell’insegnamento della matematica si rimanda al volume di L. Tomasi Calcolatrici grafiche e prova d’Esame, presente nel KIT per l’Esame di Stato, parte del corredo per l’insegnante del corso LA matematica a colori edizione Blu di L. Sasso, disponibile da metà aprile.

In «Matematica e Scienze»

I numeri? Mettiamoli in fila!

10/10/2018 da Paola Morando

Mettere in ordine i numeri, soprattutto se scritti in forme diverse, è un’operazione non banale per molti studenti. D’altra parte gli esercizi su questo argomento sono effettivamente un po’ noiosi, quindi perché non provare con un gioco? Preparate il materiale scrivendo su dei post-it i numeri (tanti quanti i giocatori) che volete che i vostri studenti imparino a confrontare tra loro...

leggi

CRipassiamo: come ripassare matematica con l'aiuto di Cristiano Ronaldo

26/09/2018 da Alice Marro

Rientrati in classe, nelle conversazioni sull’estate della classe terza non poteva mancare l’accenno al colpo del calciomercato italiano: l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. E proprio grazie a lui e a un articolo della Gazzetta dello Sport del 3 settembre, abbiamo ripassato alcuni concetti matematici studiati durante il passato anno scolastico...

leggi

Il mimo al buio, il telefono multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA