Invalsi 2017: realtà, immaginazione e precisione. Il commento di Luigi Ferrando.

15/06/2017

Oggi, 15 giugno, è stata somministrata la prova Invalsi agli studenti che stanno sostenendo l’esame di terza media.
Un rapido confronto con le prove degli anni precedenti permette di affermare che fra i 29 quesiti di quest’anno sono più numerosi quelli che prendono spunto da situazioni reali, in gran parte descritte con immagini. La prima impressione è che questa forte contestualizzazione, che non risulta mai forzata, si traduca in una maggiore difficoltà nello svolgere i quesiti per quegli studenti che sono abituati a compiti più tradizionali. Queste competenze vanno sviluppate a partire dalla prima media, argomento per argomento: per compiere il percorso che dal contesto riporta al concetto matematico è richiesta infatti la dose giusta di immaginazione, soprattutto quando le informazioni necessarie per risolvere il quesito sono da ricercare sia nel testo introduttivo che nell’immagine.
Una seconda importante differenza rispetto alle prove degli anni precedenti è l’elevato numero di quesiti che richiedono una risposta numerica univoca, in cui cioè lo studente non deve scegliere l’alternativa corretta fra quelle proposte. Questa tipologia di quesiti richiede la scelta del procedimento corretto, come corretto deve essere lo svolgimento dei calcoli. Poiché dall’anno prossimo la prova probabilmente sarà somministrata digitalmente, è plausibile immaginare che questo tipo di quesiti possa sostituire i casi in cui è richiesto di giustificare la propria risposta.
Davanti alla prova Invalsi di quest’anno sono interpellato sia come insegnante che come autore del libro di testo Al quadrato, ricco di contestualizzazioni, di immagini e di collegamenti con la realtà: effettivamente uno strumento che prepara a questo tipo di prove.
Come insegnante ho chiesto le prime impressioni ai miei studenti e, sorprendentemente, mi hanno risposto che non hanno trovato la prova particolarmente difficile e che secondo loro è andata bene. Sarà vero?


 

Alla Prova Invalsi di matematica della SSPG è dedicato il webinar del Prof. Bolondi del 16/06. Per iscriverti clicca qui.

In «Matematica e Scienze»

La simulazione di seconda prova scritta di Matematica e Fisica del 2 aprile 2019 con l’uso della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50

24/04/2019 da Gruppo Formatori Casio

Dall’analisi dei problemi e dei quesiti della seconda simulazione della prova di Matematica e Fisica per l’Esame di Stato nei licei scientifici svoltasi il 2 aprile 2019 emerge, in analogia con la precedente simulazione, come l’utilizzo consapevole della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50 possa agevolare gli studenti nella risoluzione di alcune richieste...

leggi

Origami e geometria: la squadretta da 30°-60°-90° per completare il kit da disegno!

17/04/2019 da Maria Luisa Spreafico

Nel mio precedente articolo ho proposto una lezione di geometria tra le pieghe origami sul modello di una squadretta con angoli di 45° e 90°. Completiamo ora il kit da disegno piegando un semplice modello origami sempre creato da Paolo Bascetta (insegnante di Liceo scientifico ed esperto di origami) per ottenere una squadretta di 30°, 60° e 90°...

leggi

Matematica e realtà: introduzione alla probabilità con la Champions League

17/04/2019 da Alice Marro

Questa attività, volta a introdurre il concetto di probabilità classica, è stata proposta in classe all’inizio di aprile, quando i sorteggi per i quarti di finale della Champions League erano stati fatti ma nessuna partita ancora giocata...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA