A passeggio tra i numeri: un gioco matematico (e primaverile) da portare in classe

13/05/2019

La bella stagione è ormai cominciata e diventa ogni giorno più difficile ottenere l’attenzione dei nostri studenti le cui menti, complici le belle giornate, tendono a divagare sempre più spesso. Ed ecco perché questo potrebbe essere un buon momento per proporre questo gioco che ha lo scopo di ripassare i criteri di divisibilità più semplici in maniera divertente e veloce.

Chiedete a ogni studente di portare a scuola circa 50 segnalini personalizzati (fagioli, pezzetti di carta colorata, bottoni ecc.) e iniziate a far costruire ai ragazzi vari tabelloni di gioco, a partire da una griglia rettangolare di 128 caselle ottenute, per esempio, dividendo un foglio A4 in 8 colonne e 16 righe. Ogni studente riceverà una griglia vuota che dovrà riempire inserendo (a caso e in ordine sparso) i numeri da 1 a 128 e riconsegnare all’insegnante.

Per giocare, disponete gli studenti a coppie e fornite a ogni coppia una delle tabelle numeriche, facendo in modo che nessuno giochi con la tabella da lui creata: scopo del gioco è conquistare il maggior numero di caselle.

Per conquistare le caselle, durante il proprio turno di gioco, il giocatore lancia un dado. Detto n il valore ottenuto, il giocatore può posizionare uno dei propri segnalini su una delle caselle del bordo della tabella, purché non ancora occupata dall’avversario, in accordo con le seguenti regole:

  • se n = 1, la casella deve contenere un numero che abbia almeno una cifra uguale a 1
  • se n = 2, 3, 5, 6, la casella deve contenere un numero che abbia almeno una cifra uguale a n oppure un numero che sia divisibile per n
  • se n = 4, la casella deve contenere un numero che abbia almeno una cifra uguale a 4, oppure un numero che sia divisibile per 4, oppure un numero che sia un quadrato perfetto

Dopo aver posizionato uno dei propri segnalini su una casella del bordo, il giocatore può proseguire la sua passeggiata tra i numeri conquistando altre caselle, purché non ancora occupate dall’avversario, se queste sono contigue in orizzontale o in verticale e contengono anch’esse un numero che soddisfa le richieste precedenti.

Quando il giocatore non riesce più a conquistare una casella contigua, il turno passa all’avversario che gioca con le stesse regole. Il gioco termina quando tutte le caselle del bordo sono state occupate oppure quando entrambi i giocatori, in due turni consecutivi, non trovano una casella dove posizionare il proprio segnalino.

Vince chi, al termine della partita, ha conquistato il maggior numero di caselle, cioè il giocatore che ha posizionato sulla tabella il maggior numero di segnalini. Se si vuole giocare una seconda partita i tabelloni di gioco vengono scambiati, in modo tale che la difficoltà di trovare strade possibili si rinnovi a ogni partita!

In «Matematica e Scienze»

La seconda prova scritta di Matematica e Fisica con l’uso della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50

26/06/2019 da Gruppo Formatori Casio

La seconda prova di Matematica e Fisica proposta agli allievi il 20 giugno 2019 ricalca la struttura proposta nelle prove di simulazione del 28 febbraio e del 2 aprile e rispecchia fedelmente i Quadri di Riferimento pubblicati a novembre, ma presenta una difficoltà leggermente maggiore rispetto alle simulazioni...

leggi

Maturità 2019/ Un commento sulla seconda prova di Matematica e Fisica e sull’uso della calcolatrice grafica

24/06/2019 da Luigi Tomasi

Il 20 giugno scorso si è svolta la seconda prova scritta dell’Esame di Stato, che per il Liceo scientifico quest’anno presentava la novità della prova mista di Matematica e Fisica. Questa tipologia di prova, comunicata a gennaio dal MIUR, è stata molto discussa perché la Fisica al Liceo scientifico ha un peso orario complessivo nei 5 anni che è circa il 60% di quello assegnato alla Matematica (13 ore contro 22)...

leggi

Seconda prova di Matematica e Fisica: il commento di Leonardo Sasso e Claudio Zanone

La seconda prova di Matematica e Fisica del 20 giugno presenta una struttura analoga a quella delle simulazioni di febbraio e di aprile: un problema che «parte» dalla Matematica e si collega alla Fisica, un problema che, viceversa, «parte» dalla Fisica e si collega alla Matematica, cinque quesiti di Matematica e tre quesiti di Fisica...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA