Fake news, come sopravvivere in un mondo di bufale

08/11/2018

Dagli Stati Uniti alla Russia, dall’Italia al Medio Oriente: nell’era di Internet le fake news, o false notizie, sono un fenomeno globale. Dittatori, leader politici ma anche semplici cittadini le utilizzano per manipolare l’opinione pubblica e perseguire i propri interessi. La sfida è tale che la Nato sta assumendo un ruolo di primo piano nella battaglia contro le fake news, paragonandole a una vera e propria minaccia bellica, e la guerra dell’informazione fa ormai parte dei programmi di Difesa nazionali. Ma perché le bufale prosperano? E quali sono gli strumenti per difendersi?

Leggi lo speciale su E20 >
 

La Nato sente l’urgenza di definire una strategia per difendersi dagli hacker russi, il cui intento sembra essere quello di portare scompiglio dentro ai paesi occidentali, al fine di minare la stabilità tanto nella Nato, quanto nell’Unione Europea.

> Guarda il video

 

 

I suggerimenti di Facebook per indivuare le Fake News sul social network

> Guarda il video

 

 

 

Twitter ha sospeso in maggio e in giugno 2018 oltre 70 milioni di account sospetti di diffondere fake news, più di un milione al giorno. La tendenza resta la stessa in luglio.

> Guarda il video

 


 

> Vai allo speciale di E20

In «Lettere e storia»

E20. L'attualità in classe. Storia dell'Unione Europea

15/05/2019 da Enrico Caporale

Minacciata dai movimenti euroscettici, piegata dalle diseguaglianze economiche e divisa sulla gestione dei migranti, l’Europa va al voto. “Dai Trattati di Roma del 1957 che diedero vita all’attuale Unione – sottolinea il direttore de La Stampa Maurizio Molinari – si tratta delle elezioni più importanti...

leggi

Slavery on Film: una proposta di laboratorio CLIL

In Italia la disciplina più “gettonata” per l’insegnamento CLIL è la storia, probabilmente per la possibilità di approfondire la conoscenza dell’altro e per le opportunità interdisciplinari...

leggi

Prima prova: il commento alla seconda simulazione del 26 marzo

Come già per la precedente simulazione della prima prova del 19 febbraio, anche questa volta nel formulare le tracce il MIUR sembra aver recepito e tradotto in pratica le indicazioni del Documento elaborato dal gruppo di lavoro...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA