L’impatto della valutazione sui percorsi di insegnamento/apprendimento della Matematica: cosa abbiamo imparato dall’esperienza e dalla ricerca (e cosa no)

21/03/2018

La valutazione è uno degli elementi del “sistema scuola” che più fortemente impatta sull’insegnamento e sull’apprendimento, nel momento in cui andiamo a considerare i curricoli “reali”: il curricolo implemented, effettivamente realizzato dall’insegnante, e il curriculum attained, quello che effettivamente l’allievo riesce a raggiungere. In discipline come la matematica, la valutazione è anche l’elemento che più pesantemente impatta su alcuni aspetti metacognitivi, come per esempio l’ansia da matematica.

La valutazione impatta sui contenuti: la “storia” del programma reale di Matematica nei licei scientifici (e da lì a cascata negli altri indirizzi scolastici), negli ultimi settant’anni, si è modellata sull’evoluzione della prova scritta dell’esame di Stato. Impatta sulle modalità: il modo con cui si lavora sulla produzione di un testo in Italiano è cambiato da quando, nella prima prova scritta dell’esame di Stato, al classico “tema” si sono aggiunte altre forme di elaborato.

Questo impatto può avere conseguenze negative, e talvolta devastanti (si pensi ai diversi fenomeni di teaching to test), soprattutto nel caso di valutazioni esterne al microsistema classe; al contrario può generare dinamiche positive (in un’ottica di utilizzo della valutazione in funzione formativa), se tutti gli attori del sistema (insegnanti, studenti, famiglie, dirigenti) riescono a utilizzare (e prima ancora a “vedere”) la valutazione per quello che dovrebbe realmente essere. Non è un giudizio, non è una “sentenza”, è piuttosto una fonte indispensabile di informazioni sull’apprendimento degli allievi e sulle caratteristiche dell’insegnamento.

In questa direzione, è fondamentale saper progettare la valutazione in relazione agli obiettivi del percorso, scegliere gli strumenti per una valutazione efficace, organizzare le informazioni ottenute e attribuire e condividere un significato agli indicatori (i voti, nella maggior parte delle situazioni) che vengono restituiti.

 

> Vi aspetto all’evento formativo Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica edizione 2018, che si terrà a Roma il 23 marzo: http://bit.ly/MCD2018

In «Matematica e Scienze»

Alla scoperta di π. “Tutte le infinite possibilità del mondo si trovano all'interno di questo semplice numero”

15/01/2019 da Giacomo Campana

Qualche giorno fa gli alunni della terza sono arrivati a scuola un po’ spiazzati e titubanti, senza libro di matematica, ma con una borsa di oggetti (quasi tutti presi in prestito dalla cucina di casa, con l’approvazione di mamma e papà!) di varie dimensioni, ma dalla stessa forma: quella circolare...

leggi

(S)piegando… il teorema di duplicazione del seno con gli origami

15/01/2019 da Maria Luisa Spreafico

Da alcuni anni cerco di rendere la matematica più tangibile agli studenti (dagli alunni di scuola primaria a quelli universitari) ricorrendo all’antica arte della piegatura della carta: l’origami...

leggi

Gli esempi di seconda prova scritta in vista dell’esame 2019 per il Liceo scientifico e l’uso delle calcolatrici grafiche

02/01/2019 da Luigi Tomasi

  Il 20 dicembre scorso, a ridosso delle vacanze di Natale, il MIUR ha pubblicato alcuni esempi per la seconda prova scritta dell’esame di Stato 2019 che, in base a quanto è scritto sul sito del MIUR, dovrebbero essere, almeno nelle intenzioni, coerenti con i nuovi Quadri di riferimento pubblicati lo scorso 26 novembre...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA