L’impatto della valutazione sui percorsi di insegnamento/apprendimento della Matematica: cosa abbiamo imparato dall’esperienza e dalla ricerca (e cosa no)

21/03/2018

La valutazione è uno degli elementi del “sistema scuola” che più fortemente impatta sull’insegnamento e sull’apprendimento, nel momento in cui andiamo a considerare i curricoli “reali”: il curricolo implemented, effettivamente realizzato dall’insegnante, e il curriculum attained, quello che effettivamente l’allievo riesce a raggiungere. In discipline come la matematica, la valutazione è anche l’elemento che più pesantemente impatta su alcuni aspetti metacognitivi, come per esempio l’ansia da matematica.

La valutazione impatta sui contenuti: la “storia” del programma reale di Matematica nei licei scientifici (e da lì a cascata negli altri indirizzi scolastici), negli ultimi settant’anni, si è modellata sull’evoluzione della prova scritta dell’esame di Stato. Impatta sulle modalità: il modo con cui si lavora sulla produzione di un testo in Italiano è cambiato da quando, nella prima prova scritta dell’esame di Stato, al classico “tema” si sono aggiunte altre forme di elaborato.

Questo impatto può avere conseguenze negative, e talvolta devastanti (si pensi ai diversi fenomeni di teaching to test), soprattutto nel caso di valutazioni esterne al microsistema classe; al contrario può generare dinamiche positive (in un’ottica di utilizzo della valutazione in funzione formativa), se tutti gli attori del sistema (insegnanti, studenti, famiglie, dirigenti) riescono a utilizzare (e prima ancora a “vedere”) la valutazione per quello che dovrebbe realmente essere. Non è un giudizio, non è una “sentenza”, è piuttosto una fonte indispensabile di informazioni sull’apprendimento degli allievi e sulle caratteristiche dell’insegnamento.

In questa direzione, è fondamentale saper progettare la valutazione in relazione agli obiettivi del percorso, scegliere gli strumenti per una valutazione efficace, organizzare le informazioni ottenute e attribuire e condividere un significato agli indicatori (i voti, nella maggior parte delle situazioni) che vengono restituiti.

 

> Vi aspetto all’evento formativo Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica edizione 2018, che si terrà a Roma il 23 marzo: http://bit.ly/MCD2018

In «Matematica e Scienze»

Confermato l’uso delle calcolatrici grafiche nella seconda prova scritta dell’esame di Stato 2019

22/10/2018 da Luigi Tomasi

Il 17 ottobre scorso è stata pubblicata dal MIUR la nota sull’uso delle calcolatrici scientifiche e/o grafiche, con un elenco aggiornato dei modelli che si possono utilizzare all’esame di Stato 2019...

leggi

I numeri? Mettiamoli in fila!

10/10/2018 da Paola Morando

Mettere in ordine i numeri, soprattutto se scritti in forme diverse, è un’operazione non banale per molti studenti. D’altra parte gli esercizi su questo argomento sono effettivamente un po’ noiosi, quindi perché non provare con un gioco? Preparate il materiale scrivendo su dei post-it i numeri (tanti quanti i giocatori) che volete che i vostri studenti imparino a confrontare tra loro...

leggi

CRipassiamo: come ripassare matematica con l'aiuto di Cristiano Ronaldo

26/09/2018 da Alice Marro

Rientrati in classe, nelle conversazioni sull’estate della classe terza non poteva mancare l’accenno al colpo del calciomercato italiano: l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. E proprio grazie a lui e a un articolo della Gazzetta dello Sport del 3 settembre, abbiamo ripassato alcuni concetti matematici studiati durante il passato anno scolastico...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA