Cosa puoi fare con un dizionario di italiano? Piccola guida (pratica) all'uso

06/12/2016

Nell’epoca degli errori ed orrori da tastiera e dei correttori automatici, cosa possiamo fare con un Dizionario di Italiano?

Con un Dizionario di Italiano puoi:

1- cercare il significato di una parola: perché difficile (cosa vorrà dire callido?), perché nuova (cosa sarà un hashtag?), perché specifica e settoriale (che disturbi cura un osteopata?);

2- cercare il significato di una locuzione (cosa vuol dire all’acqua di rose?), di un modo di dire (dove va a finire l’acqua passata?), di un proverbio (cosa sarà la famosa acqua cheta che rode i ponti?);

3- cercare come si pronuncia una parola (si dice rùbrica o rubrìca?), e come si sillaba se devo andare a capo (meglio dividere tec-ni-ca o te-cni-ca?);

4- cercare se una parola è un nome, un articolo, un aggettivo, un pronome, un verbo, un avverbio, una preposizione, una congiunzione oppure (perdindirindina!) un’interiezione;

5- cercare come un verbo irregolare viene coniugato (si dice maledicevo o maledivo? soddisfaccio o soddisfo?), cercare qual è il plurale di un nome (ciliegie o ciliege?), cercare se un nome ha il femminile (la presidentessa o la presidente?);

6- cercare un esempio dell’uso di una parola, conoscere la preposizione che regge (capace di fare o capace a fare?), i complementi che la accompagnano (abdicare il trono o abdicare al trono?);

7- cercare un sinonimo (una trama appassionante, o anche coinvolgente) o un contrario (il metallo gelido oppure rovente), un analogo (l’alba non ha sinonimi, ma la sua analoga è l’aurora, che è il chiarore che l’accompagna), uno specifico o un generico (la forchetta è più specifica della generica posata), un reciproco (se io compro è perché qualcuno, reciprocamente, vende; se c’è una madre, qualcuno reciprocamente ne è il figlio);

8- cercare un alterato: un diminutivo (un libro e un libriccino), un accrescitivo (un amico e un amicone), un peggiorativo (un gatto e un gattaccio), un vezzeggiativo (una bottega e una botteguccia);

9- cercare l’origine di una parola: da dove viene il nome della pizza margherita? Perché la velina della tv si chiama così?;

10- scorrere la pagina e perdersi in mezzo alle parole, facendosi conquistare dalla bellezza, dalla vastità e dalla varietà della lingua italiana.

 

>> Innamorati della lingua italiana con garzantilinguistica.it e scopri qui tutti i dizionari Garzanti

In «Lettere e storia»

In classe con l'autore: il nuovo progetto di DeA Planeta Libri

01/09/2018 da redazione DeaScuola

Come trasformare i giovani di oggi in lettori accaniti? Come portarli a riflettere sui grandi temi di attualità e informazione? DeA Planeta Libri presenta il nuovo progetto “In classe con l’autore” per contribuire allo sviluppo della passione dei giovani per la letteratura e guidarli nella riflessione su tematiche importanti della cultura contemporanea, come il girl power, i valori di accoglienza ed amicizia, il razzismo e l’immigrazione...

leggi

#maturità2018: il commento di Claudio Giunta alla prima prova

20/06/2018 da Claudio Giunta

Forse non sono la persona giusta per parlare dell’Esame di Stato, perché ho molti dubbi circa il fatto che serva a qualcosa. Sospetto che un esame che viene superato dal 99.5% dei candidati (questo il dato del 2017) non sia veramente un esame ma una di quelle cose fatte pro forma, cioè retoricamente, nelle quali l’Italia è specialista...

leggi

E20/ L'attualità in classe. Giovani e Lavoro

04/04/2018 da Enrico Caporale

Le innovazioni tecnologiche hanno cancellato molte mansioni e i giovani devono reinventarsi per trovare un impiego. Si pensi allo sportello bancario, al casello autostradale, alle agenzie di viaggi e ai negozi di dischi o dvd, tutti impieghi spazzati via dall’avvento dei robot...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA