Cosa puoi fare con un dizionario di italiano? Piccola guida (pratica) all'uso

06/12/2016

Nell’epoca degli errori ed orrori da tastiera e dei correttori automatici, cosa possiamo fare con un Dizionario di Italiano?

Con un Dizionario di Italiano puoi:

1- cercare il significato di una parola: perché difficile (cosa vorrà dire callido?), perché nuova (cosa sarà un hashtag?), perché specifica e settoriale (che disturbi cura un osteopata?);

2- cercare il significato di una locuzione (cosa vuol dire all’acqua di rose?), di un modo di dire (dove va a finire l’acqua passata?), di un proverbio (cosa sarà la famosa acqua cheta che rode i ponti?);

3- cercare come si pronuncia una parola (si dice rùbrica o rubrìca?), e come si sillaba se devo andare a capo (meglio dividere tec-ni-ca o te-cni-ca?);

4- cercare se una parola è un nome, un articolo, un aggettivo, un pronome, un verbo, un avverbio, una preposizione, una congiunzione oppure (perdindirindina!) un’interiezione;

5- cercare come un verbo irregolare viene coniugato (si dice maledicevo o maledivo? soddisfaccio o soddisfo?), cercare qual è il plurale di un nome (ciliegie o ciliege?), cercare se un nome ha il femminile (la presidentessa o la presidente?);

6- cercare un esempio dell’uso di una parola, conoscere la preposizione che regge (capace di fare o capace a fare?), i complementi che la accompagnano (abdicare il trono o abdicare al trono?);

7- cercare un sinonimo (una trama appassionante, o anche coinvolgente) o un contrario (il metallo gelido oppure rovente), un analogo (l’alba non ha sinonimi, ma la sua analoga è l’aurora, che è il chiarore che l’accompagna), uno specifico o un generico (la forchetta è più specifica della generica posata), un reciproco (se io compro è perché qualcuno, reciprocamente, vende; se c’è una madre, qualcuno reciprocamente ne è il figlio);

8- cercare un alterato: un diminutivo (un libro e un libriccino), un accrescitivo (un amico e un amicone), un peggiorativo (un gatto e un gattaccio), un vezzeggiativo (una bottega e una botteguccia);

9- cercare l’origine di una parola: da dove viene il nome della pizza margherita? Perché la velina della tv si chiama così?;

10- scorrere la pagina e perdersi in mezzo alle parole, facendosi conquistare dalla bellezza, dalla vastità e dalla varietà della lingua italiana.

 

>> Innamorati della lingua italiana con garzantilinguistica.it e scopri qui tutti i dizionari Garzanti

In «Lettere e storia»

"E qualcosa rimane". Commento alla nuova prima prova dell’esame di Stato 2019

12/12/2018 da redazione DeaScuola

L’universo scolastico ha avuto saldamente al suo centro, fino a vent’anni fa, il tema; quando la riforma del 1999 introdusse le ormai ex “nuove tipologie” si trattò di una rivoluzione copernicana...

leggi

E se Machiavelli o Hegel avessero i social? Ecco come portare i grandi della storia su Instagram con i tuoi alunni

05/12/2018 da redazione DeaScuola

Per molti docenti i social rappresentano l’antitesi della cultura, dello studio e dell’apprendimento. Sono considerati distrattivi, superficiali, inutili e molto spesso dannosi per gli alunni e per la loro crescita...

leggi

Linea del tempo: due attività didattiche per la classe

26/11/2018 da Redazione Geografia

Nel post Linea del tempo: strumenti digitali abbiamo esaminato le finalità didattiche delle timeline e le principali web app per crearle. Vi proponiamo ora due tipologie di attività didattiche sulla linea del tempo – rivolte agli studenti del primo biennio della scuola secondaria di secondo grado – per imparare la storia utilizzando in classe la linea del tempo: una incentrata sulla lettura e interpretazione della timeline, l’altra sulla sua costruzione...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA