Le ragazze vogliono contare!

07/03/2016

In occasione dell’8 marzo e del “Mese delle STEM”, Il MIUR in collaborazione con il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza  del Consiglio dei Ministri presenta Le ragazze vogliono contare!, una serie di iniziative per la promozione delle pari opportunità volte a contrastare gli stereotipi di genere.
La scuola, infatti, può diventare un ottimo volano per avvicinare le studentesse italiane alle discipline STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics). Ricorda il MIUR che “solo il 38% delle studentesse indirizza il proprio percorso formativo verso le discipline cosiddette STEM. Il dato, evidentemente ancora troppo basso, si presta a molteplici letture di carattere sociale, culturale e anche educativo/orientativo”. Il sito di riferimento del progetto è http://www.noisiamopari.it.

L’obiettivo di Le ragazze vogliono contare! è quindi quello di contrastare lo stereotipo secondo cui le più giovani sono scarsamente predisposte verso lo studio delle STEM e meno interessate a intraprendere studi in ambito tecnologico, matematico e digitale.
Per capire la portata del problema basta ricordare che fra gli studenti che scelgono il liceo classico e quello linguistico le ragazze sono rispettivamente il 67,9 % e l’82,9 (fonte Istruzione.it).

Il Gender Gap nelle materie STEM in Italia è il 4,6: l’Italia è 31esima su 64 paesi del mondo (fonte Compare your country / PISA Gender Study).

De Agostini Scuola partecipa a Le ragazze vogliono contare! con alcuni contenuti e materiali per la didattica che saranno accessibili on line a docenti, genitori e studenti. Tutti gli aggiornamenti sul tema saranno consultabili su questa pagina e verranno rilasciati durante il “Mese dello STEM”.

  1. Infografica/ Tutti i dati su STEM e studentesse 

  2. Studentesse, STEM e occupazione femminile: cosa può fare la scuola? di Vanda Gatti

  3. 5 consigli per avvicinare le studentesse alle STEM

  4. Attività didattiche inclusive per le materie STEM – materiali tratti dai Convegni De Agostini Scuola Motivare, Coinvolgere e Divertire con la Matematica e A Scuola di Scienza

 

 

In «Matematica e Scienze»

Il mimo al buio, il telefono senza fili multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi

Quale INVALSI per l’ultimo anno di scuola secondaria di secondo grado?

19/09/2018 da Giorgio Bolondi

L’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione – la Maturità, per usare il termine comune e familiare – vive da alcuni anni un periodo in cui regna l’incertezza. Una prima ipotesi di buon senso voleva che l’Esame venisse riorganizzato (ridisegnato?) nel momento in cui la prima coorte di studenti che aveva frequentato fin dall’inizio il secondo ciclo riformato, con i nuovi indirizzi, le nuove Indicazioni Nazionali e le nuove Linee Guida, fosse giunta al termine del percorso...

leggi

Per iniziare bene… giochiamoci su!

11/09/2018 da Paola Morando

Eccoci qua, pronti per ricominciare. Tra qualche giorno saremo di nuovo in classe, di fronte a ragazzi più abbronzati, più alti, forse anche più maturi di quelli che abbiamo lasciato a giugno, ma non facciamoci illusioni: dai più silenziosi ai più irrequieti, sono tutti ancora con la testa in vacanza! Sappiamo per esperienza che ci vorranno almeno un paio di settimane per riuscire a ottenere tutti i libri, i quaderni e soprattutto tutti i cervelli accesi ed è quindi perfettamente inutile accanirsi nel disperato tentativo di iniziare da subito a svolgere il programma...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA