Invalsi 2017: realtà, immaginazione e precisione. Il commento di Luigi Ferrando.

15/06/2017

Oggi, 15 giugno, è stata somministrata la prova Invalsi agli studenti che stanno sostenendo l’esame di terza media.
Un rapido confronto con le prove degli anni precedenti permette di affermare che fra i 29 quesiti di quest’anno sono più numerosi quelli che prendono spunto da situazioni reali, in gran parte descritte con immagini. La prima impressione è che questa forte contestualizzazione, che non risulta mai forzata, si traduca in una maggiore difficoltà nello svolgere i quesiti per quegli studenti che sono abituati a compiti più tradizionali. Queste competenze vanno sviluppate a partire dalla prima media, argomento per argomento: per compiere il percorso che dal contesto riporta al concetto matematico è richiesta infatti la dose giusta di immaginazione, soprattutto quando le informazioni necessarie per risolvere il quesito sono da ricercare sia nel testo introduttivo che nell’immagine.
Una seconda importante differenza rispetto alle prove degli anni precedenti è l’elevato numero di quesiti che richiedono una risposta numerica univoca, in cui cioè lo studente non deve scegliere l’alternativa corretta fra quelle proposte. Questa tipologia di quesiti richiede la scelta del procedimento corretto, come corretto deve essere lo svolgimento dei calcoli. Poiché dall’anno prossimo la prova probabilmente sarà somministrata digitalmente, è plausibile immaginare che questo tipo di quesiti possa sostituire i casi in cui è richiesto di giustificare la propria risposta.
Davanti alla prova Invalsi di quest’anno sono interpellato sia come insegnante che come autore del libro di testo Al quadrato, ricco di contestualizzazioni, di immagini e di collegamenti con la realtà: effettivamente uno strumento che prepara a questo tipo di prove.
Come insegnante ho chiesto le prime impressioni ai miei studenti e, sorprendentemente, mi hanno risposto che non hanno trovato la prova particolarmente difficile e che secondo loro è andata bene. Sarà vero?


 

Alla Prova Invalsi di matematica della SSPG è dedicato il webinar del Prof. Bolondi del 16/06. Per iscriverti clicca qui.

In «Matematica e Scienze»

I numeri? Mettiamoli in fila!

10/10/2018 da Paola Morando

Mettere in ordine i numeri, soprattutto se scritti in forme diverse, è un’operazione non banale per molti studenti. D’altra parte gli esercizi su questo argomento sono effettivamente un po’ noiosi, quindi perché non provare con un gioco? Preparate il materiale scrivendo su dei post-it i numeri (tanti quanti i giocatori) che volete che i vostri studenti imparino a confrontare tra loro...

leggi

CRipassiamo: come ripassare matematica con l'aiuto di Cristiano Ronaldo

26/09/2018 da Alice Marro

Rientrati in classe, nelle conversazioni sull’estate della classe terza non poteva mancare l’accenno al colpo del calciomercato italiano: l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. E proprio grazie a lui e a un articolo della Gazzetta dello Sport del 3 settembre, abbiamo ripassato alcuni concetti matematici studiati durante il passato anno scolastico...

leggi

Il mimo al buio, il telefono multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA