Invalsi 2017: realtà, immaginazione e precisione. Il commento di Luigi Ferrando.

15/06/2017

Oggi, 15 giugno, è stata somministrata la prova Invalsi agli studenti che stanno sostenendo l’esame di terza media.
Un rapido confronto con le prove degli anni precedenti permette di affermare che fra i 29 quesiti di quest’anno sono più numerosi quelli che prendono spunto da situazioni reali, in gran parte descritte con immagini. La prima impressione è che questa forte contestualizzazione, che non risulta mai forzata, si traduca in una maggiore difficoltà nello svolgere i quesiti per quegli studenti che sono abituati a compiti più tradizionali. Queste competenze vanno sviluppate a partire dalla prima media, argomento per argomento: per compiere il percorso che dal contesto riporta al concetto matematico è richiesta infatti la dose giusta di immaginazione, soprattutto quando le informazioni necessarie per risolvere il quesito sono da ricercare sia nel testo introduttivo che nell’immagine.
Una seconda importante differenza rispetto alle prove degli anni precedenti è l’elevato numero di quesiti che richiedono una risposta numerica univoca, in cui cioè lo studente non deve scegliere l’alternativa corretta fra quelle proposte. Questa tipologia di quesiti richiede la scelta del procedimento corretto, come corretto deve essere lo svolgimento dei calcoli. Poiché dall’anno prossimo la prova probabilmente sarà somministrata digitalmente, è plausibile immaginare che questo tipo di quesiti possa sostituire i casi in cui è richiesto di giustificare la propria risposta.
Davanti alla prova Invalsi di quest’anno sono interpellato sia come insegnante che come autore del libro di testo Al quadrato, ricco di contestualizzazioni, di immagini e di collegamenti con la realtà: effettivamente uno strumento che prepara a questo tipo di prove.
Come insegnante ho chiesto le prime impressioni ai miei studenti e, sorprendentemente, mi hanno risposto che non hanno trovato la prova particolarmente difficile e che secondo loro è andata bene. Sarà vero?


 

Alla Prova Invalsi di matematica della SSPG è dedicato il webinar del Prof. Bolondi del 16/06. Per iscriverti clicca qui.

In «Matematica e Scienze»

Alessio Figalli Medaglia Fields 2018, orgoglio per l'Italia

03/08/2018 da Luigi Tomasi

La notizia è arrivata il 1° agosto, in un caldissimo pomeriggio di mezza estate: Alessio Figalli, matematico italiano di 34 anni, ha ricevuto a Rio De Janeiro la prestigiosissima Medaglia Fields per il 2018...

leggi

Matematica e didattica: letture sotto l’ombrellone

05/07/2018 da redazione DeaScuola

La scuola è ormai finita ed è arrivato il momento di godersi un po’ di meritato riposo. Vi state già annoiando sotto l’ombrellone? State pensando che malgrado gli enormi sforzi profusi quest’anno, la matematica continua a essere una delle discipline più ostiche per i vostri studenti? Per venire incontro ai docenti e fornire loro strumenti per una didattica più coinvolgente ed efficace è nata “Nuove convergenze”, una collana interamente dedicata ai problemi dell’insegnamento della matematica nei diversi cicli scolastici...

leggi

Lavorare in classe con robot e coding

25/06/2018 da redazione DeaScuola

I computer sono sempre più presenti nella nostra vita, soprattutto se pensiamo che sono computer anche smartphone, tablet, console di giochi e tanti altri dispositivi elettronici. Spesso, però, ci limitiamo a utilizzarli in maniera passiva...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA