Compiti delle vacanze… a prova di WhatsApp!

23/05/2018

La fine della scuola si avvicina e con essa l’ardua impresa di assegnare ai nostri studenti dei compiti per le vacanze. Per quanto meditata possa essere la nostra scelta, possiamo essere quasi certi che a fine agosto le foto degli esercizi svolti dai ragazzi più diligenti (e quindi meno bisognosi!) si diffonderanno rapidamente sul gruppo WhatsApp della classe, rendendo il nostro sforzo totalmente inutile!
Perché non provare allora a proporre un compito un po’ diverso, che ci permetta anche di contrastare il traffico di esercizi su WhatsApp?
Un buon modo per farlo è utilizzare Problem Craft: invece di assegnare 20 problemi da risolvere, provate a chiedere ai ragazzi di inventarne 10 secondo le regole di Problem Craft! Per far sì che non copino basta aggiungere come ulteriore vincolo che gli oggetti scelti da ogni studente debbano avere la stessa iniziale del suo nome e/o cognome.


Oppure provate a formulare una serie di esercizi ispirati dagli oggetti nel poster, che potranno poi essere personalizzati assegnando oggetti diversi a ogni studente. Per esempio, alla studentessa Valeria Rossi potreste assegnare le seguenti consegne:
“Inventa un problema con le proporzioni, che coinvolga vasi e racchette da tennis e che abbia come risultato un peso compreso tra 10 kg e 20 kg.
Scrivi un’espressione con le frazioni contenente somme, differenze e almeno due prodotti e due quozienti, che inizi con il numero ¾, finisca con ½ e abbia come risultato la lunghezza (in cm) della racchetta da tennis approssimata all’intero più vicino (assegnando il primo e l’ultimo numero scoraggiate la ricerca di espressioni già fatte sul libro o sul web).
Supponendo che una vera racchetta da tennis sia lunga 70 cm, trova la scala utilizzata per rappresentarla nel poster. Dopo aver misurato la lunghezza del manico della racchetta nel poster, utilizza il fattore di scala trovato per dedurre la misura del manico della racchetta reale. Trova altri due oggetti reali che nel poster sono rappresentati con la stessa scala, fotografali e riporta sulla foto le misure reali”.

Allo studente Paolo Bianchi potrete assegnare un compito analogo: per la 1) dovrà inventare un problema utilizzando Pinocchio e le biglie, per la 2) dovrà scrivere un’espressione che abbia come valore la lunghezza (in mm) del piede di Pinocchio e per la 3) dovrà trovare la scala in cui è stato rappresentato un Pinocchio che nella realtà è alto 50 cm e poi utilizzare la misura del braccio di Pinocchio nel poster per calcolare la lunghezza del braccio del Pinocchio reale.

Problem Craft fa parte del corredo insegnante del corso “Esatto!” di Anna Montemurro, edito con il marchio De Agostini.
> ESATTO! Edizione Curricolare
> ESATTO! Edizione Tematica

© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA