Halloween, ovvero la terrificante notte delle statistiche stregate!

25/10/2018

Quest’anno la notte di Halloween è ancora più paurosa! Infatti, oltre a scheletri, fantasmi, mummie, streghe e zombie, circolano nella notte anche inquietanti statistiche!

Ma cominciamo dall’inizio: le terribili maledizioni scagliate negli ultimi anni dagli studenti di tutto il mondo contro la Matematica hanno incuriosito il Ministro per l’Educazione degli Spiriti, il quale ha deciso che una materia tanto terrificante non poteva mancare tra le competenze dei suoi studenti. Ovviamente, poiché tutto il mondo è paese, anche nel Regno degli Spiriti gli studenti, siano essi zombie, scheletri, streghe, mummie o fantasmi, non amano particolarmente equazioni e disequazioni, per non parlare poi di logaritmi e arcotangenti! Perciò, mettendo da parte vecchi rancori e antiche ostilità, hanno deciso di sottoscrivere una petizione per l’eliminazione della Matematica da tutte le scuole del Regno degli Spiriti.

Nel raccogliere le firme i promotori dell’iniziativa hanno separato i firmatari in cinque categorie, ottenendo la seguente tabella:

A fronte del considerevole numero di firme presentate, il Ministro per l’Educazione degli Spiriti ha deciso di incontrare una delegazione di cinque studenti per discutere il problema. Purtroppo però non ha dato indicazioni precise su come dovessero essere scelti i cinque studenti e questo ha riaperto vecchi dissapori tra streghe e fantasmi! Infatti le streghe sostengono che, poiché dalle firme raccolte si evince che tutti gli abitanti del Regno degli Spiriti odiano la Matematica circa allo stesso modo, i cinque studenti devono essere scelti uno per ogni categoria, ma i fantasmi sono di tutt’altro avviso. Dal loro punto di vista, essendo quello dei fantasmi il gruppo più numeroso tra i firmatari, loro avrebbero diritto ad avere due rappresentanti nella delegazione a scapito del rappresentante degli zombie, tra i quali il numero di firmatari è relativamente esiguo.

E allora perché non organizzare una gara, dividendo la classe in streghe e fantasmi che si sfidano a colpi di grafici? Fornite ai vostri studenti i dati della tabella e chiedete loro di rappresentarli nel modo più utile a sostenere la propria tesi.

Per esempio, i sostenitori delle streghe potrebbero trovare conveniente utilizzare un diagramma a torta, nel quale le differenze tra il numero delle firme raccolte nelle diverse categorie, essendo riportate in percentuale, non sono particolarmente evidenti, mentre i sostenitori dei fantasmi potrebbero optare per un istogramma, che meglio mostra le differenze tra la numerosità delle diverse classi, magari con l’ulteriore artificio di tagliare opportunamente la base delle colonne per rendere maggiormente visibili le differenze.

 

 

Dopo aver disegnato il grafico ogni squadra dovrà scrivere una breve didascalia nella quale sosterrà la propria tesi e voi premierete, togliendo un paio di esercizi dai compiti appena assegnati, la squadra che avrà saputo essere più convincente!

In «Matematica e Scienze»

Gli asteroidi danno i numeri! Un esercizio di matematica e realtà

25/10/2018 da Giacomo Campana

Con il primo mese di scuola ormai alle spalle, gli alunni della classe prima si sono quasi ambientati alla nuova scuola e soprattutto hanno completato la loro prima ricerca matematica. L’obiettivo era trovare un articolo di giornale o rivista che contenesse molti numeri da poter analizzare e utilizzare per la nostra attività in classe...

leggi

Confermato l’uso delle calcolatrici grafiche nella seconda prova scritta dell’esame di Stato 2019

22/10/2018 da Luigi Tomasi

Il 17 ottobre scorso è stata pubblicata dal MIUR la nota sull’uso delle calcolatrici scientifiche e/o grafiche, con un elenco aggiornato dei modelli che si possono utilizzare all’esame di Stato 2019...

leggi

I numeri? Mettiamoli in fila!

10/10/2018 da Paola Morando

Mettere in ordine i numeri, soprattutto se scritti in forme diverse, è un’operazione non banale per molti studenti. D’altra parte gli esercizi su questo argomento sono effettivamente un po’ noiosi, quindi perché non provare con un gioco? Preparate il materiale scrivendo su dei post-it i numeri (tanti quanti i giocatori) che volete che i vostri studenti imparino a confrontare tra loro...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA