Ascissa o ordinata? Giochiamoci su!

18/04/2018

Il gioco, utilizzato come strumento didattico a supporto dell’insegnamento della matematica, presenta moltissimi vantaggi, non ultimo quello di rafforzare utili automatismi attraverso la ripetizione. In particolare la nomenclatura matematica, che spesso risulta un po’ ostica, può trarre grande giovamento dall’essere inserita in un gioco. Anche il banale problema di distinguere l’ascissa dall’ordinata di un punto nel piano cartesiano può mettere in difficoltà gli studenti (e non solo quelli della scuola secondaria di primo grado!). Da qui l’idea di proporre un gioco che permetta al tempo stesso di utilizzare al meglio gli ultimi cinque minuti di lezione e di lavorare su questo tema.

Dopo aver assegnato i compiti per la volta successiva, distribuite una copia in formato A3 del poster Problem Craft a ogni studente e scegliete, senza comunicarlo, un punto appartenente a uno degli oggetti presenti nel poster.

A questo punto mettete in palio il vostro premio: uno sconto di due esercizi tra quelli assegnati per compito al primo studente che riuscirà a indovinare l’oggetto da voi scelto. Per far questo gli studenti possono farvi domande che riguardano l’ascissa o l’ordinata del punto e che prevedano come possibile risposta esclusivamente SÌ o NO (ad esempio: l’ascissa del punto è maggiore di 45? L’ordinata del punto è minore di 30?). È bene che siate voi a scegliere, di volta in volta, lo studente che deve porre la domanda, in modo tale da coinvolgere sia i ragazzi con maggiori difficoltà che quelli più distratti.
Gli studenti possono prendere appunti su un foglio (ma non pasticciare il poster, che dovrà poter essere utilizzato per le partite successive!) ma è importante che le domande si susseguano abbastanza rapidamente, in modo tale da mantenere alto il livello di concentrazione. Quando uno studente ritiene di aver identificato l’oggetto, può dichiararlo. Se ha indovinato vince, e avrà due esercizi in meno da fare a casa, mentre in caso contrario viene eliminato e il gioco prosegue con i suoi compagni.
Nelle classi terze il gioco può essere proposto dichiarando all’inizio della partita la posizione dell’origine e l’orientamento dell’asse x. In questo modo le coordinate del punto appartenente all’oggetto misterioso saranno numeri relativi.


Problem Craft fa parte del corredo insegnante del corso “Esatto!” di Anna Montemurro, edito con il marchio De Agostini.
> ESATTO! Edizione Curricolare
> ESATTO! Edizione Tematica

In «Matematica e Scienze»

Matematica e didattica: letture sotto l’ombrellone

05/07/2018 da redazione DeaScuola

La scuola è ormai finita ed è arrivato il momento di godersi un po’ di meritato riposo. Vi state già annoiando sotto l’ombrellone? State pensando che malgrado gli enormi sforzi profusi quest’anno, la matematica continua a essere una delle discipline più ostiche per i vostri studenti? Per venire incontro ai docenti e fornire loro strumenti per una didattica più coinvolgente ed efficace è nata “Nuove convergenze”, una collana interamente dedicata ai problemi dell’insegnamento della matematica nei diversi cicli scolastici...

leggi

Lavorare in classe con robot e coding

25/06/2018 da redazione DeaScuola

I computer sono sempre più presenti nella nostra vita, soprattutto se pensiamo che sono computer anche smartphone, tablet, console di giochi e tanti altri dispositivi elettronici. Spesso, però, ci limitiamo a utilizzarli in maniera passiva...

leggi

La seconda prova di MATEMATICA: il commento del prof. Luigi Tomasi

22/06/2018 da Luigi Tomasi

Il tema di Matematica assegnato nella seconda prova scritta all’esame di liceo scientifico è stato il quarto nel quale gli estensori della prova dovevano tenere conto delle Indicazioni nazionali per il liceo scientifico del 2010, nelle quali si prevede di proporre problemi di modellizzazione matematica e di introdurre argomenti come la geometria analitica dello spazio e le equazioni differenziali...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA