Quale INVALSI per l’ultimo anno di scuola secondaria di secondo grado?

19/09/2018

L’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione – la Maturità, per usare il termine comune e familiare – vive da alcuni anni un periodo in cui regna l’incertezza. Una prima ipotesi di buon senso voleva che l’Esame venisse riorganizzato (ridisegnato?) nel momento in cui la prima coorte di studenti che aveva frequentato fin dall’inizio il secondo ciclo riformato, con i nuovi indirizzi, le nuove Indicazioni Nazionali e le nuove Linee Guida, fosse giunta al termine del percorso.

Quel momento è passato ormai da diversi anni, e quegli studenti sono ormai laureati. Il tempo passato dall’entrata in vigore di quegli ordinamenti sicuramente è servito per valutare, pensare, discutere. Un punto critico, elemento di confronto e discordia, è sempre stato rappresentato dal fatto che una prova conclusiva di Matematica è prevista, strutturalmente, solo nel Liceo Scientifico (e affini); negli altri indirizzi la presenza della Matematica era limitata eventualmente alla terza prova.

Dallo scorso anno sappiamo che tutti gli studenti dovranno affrontare, durante l’ultimo anno, una Prova INVALSI di Matematica. Ma come si può disegnare una prova che valuti allo stesso tempo studenti che hanno seguito indirizzi molto diversi, con obiettivi molto distanti, con quadri orari molto diseguali? Studenti, oltretutto, che arrivano in fondo al percorso scolastico con motivazioni e interessi (riguardo alla Matematica) radicalmente diversi.

Una prima risposta ci viene data dall’INVALSI stesso, con un primo documento pubblicato sul sito e che potete trovare qui.

Altre domande, in versione dinamica (la prova sarà Computer Based, come quelle del Grado 8 e del Grado 10 di quest’anno, sulla stessa piattaforma) saranno pubblicate prossimamente, ma già da queste emergono dei fatti interessanti.

Il primo, è che le domande (in modo ancora più marcato rispetto a quelle dei gradi precedenti) mirano a valutare quello zoccolo duro di competenze matematiche di base che costituiscono uno strumento indispensabile per l’esercizio della competenza di cittadinanza: in questo senso, diverse domande potrebbero essere proposte anche ad allievi di gradi precedenti. Si tratta delle domande che l’INVALSI chiama “di manutenzione”, a cui si affiancano domande “di ricontestualizzazione”.

Un esempio interessante è fornito da questa domanda:

che è chiaramente di “manutenzione”, e coinvolge concetti e risultati (la similitudine) dei livelli scolari precedenti. A essa si affianca quest’altra:

in cui lo stesso contesto viene esplorato con strumenti matematici tipici del secondo biennio. L’idea è che i problemi che lo studente (il cittadino) affronta possono essere visti e affrontati con strumenti matematici via via più elaborati e raffinati.

Anche quando le domande coinvolgono direttamente oggetti matematici, la consegna coinvolge più il significato di questi oggetti, che non le pratiche esecutive o manipolatorie.

Un esempio è dato da questa domanda:

Una sezione comprende domande specificatamente pensate per gli studenti del Liceo Scientifico e degli Istituti Tecnici: anche per queste, l’attenzione è più sul significato degli oggetti coinvolti che non sulle tecniche (come peraltro raccomandano le Indicazioni Nazionali e le Linee Guida).

Un esempio di queste domande è:

Come conclusione di questa breve presentazione, vorrei lanciare uno stimolo: come valutano i vostri studenti queste domande? Più facili o più difficili di quelle che abitualmente vedono nei loro libri, o nelle verifiche che proponete? In base a cosa stabiliscono questa difficoltà? Non sempre quello che sembra facile/difficile a noi insegnanti corrisponde alla percezione di difficoltà degli studenti.

Fateci sapere nei commenti.

In «Matematica e Scienze»

I numeri? Mettiamoli in fila!

10/10/2018 da Paola Morando

Mettere in ordine i numeri, soprattutto se scritti in forme diverse, è un’operazione non banale per molti studenti. D’altra parte gli esercizi su questo argomento sono effettivamente un po’ noiosi, quindi perché non provare con un gioco? Preparate il materiale scrivendo su dei post-it i numeri (tanti quanti i giocatori) che volete che i vostri studenti imparino a confrontare tra loro...

leggi

CRipassiamo: come ripassare matematica con l'aiuto di Cristiano Ronaldo

26/09/2018 da Alice Marro

Rientrati in classe, nelle conversazioni sull’estate della classe terza non poteva mancare l’accenno al colpo del calciomercato italiano: l’arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. E proprio grazie a lui e a un articolo della Gazzetta dello Sport del 3 settembre, abbiamo ripassato alcuni concetti matematici studiati durante il passato anno scolastico...

leggi

Il mimo al buio, il telefono multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA