E20/ L'attualità in classe. Siria, i negoziati per la pace partono in salita

08/03/2016

Dopo quasi 5 anni di guerra, 300 mila morti, oltre 4 milioni di profughi e altri 7,6 milioni di sfollati interni, il 18 dicembre 2015 i leader mondiali raggiungono all’Onu l’accordo per la transizione politica in Siria: dovrebbe portare all’inizio delle trattative sul futuro del Paese e a una tregua contestuale fra le opposizioni e il regime, che consentirebbe di concentrare gli sforzi bellici contro Isis e altri gruppi terroristici come Al Nusra, conducendo alle elezioni entro l’estate del 2017. Gli ostacoli più difficili sono tre: il destino del presidente Bashar al Assad, la definizione dei gruppi considerati terroristici, e quella degli oppositori ammessi al tavolo della trattativa. Tuttavia, mentre le diplomazie continuano a discutere per trovare un piano comune, in Siria la guerra continua.

Leggi lo speciale su E20 >

 

Gli articoli di E20 sono corredati da video e contenuti multimediali selezionati per la lezione in classe. Qui puoi trovare tre dei contenuti multimediali proposti sull’argomento della guerra in Siria:

 

guerra in siriaCent’anni dall’accordo Sykes-Picot: così è nato il Medioriente di oggi

Durante il primo conflitto mondiale il diplomatico britannico, Sir Mark Sykes, e il suo omologo francese François Georges-Picot tracciando una linea nel deserto su una mappa, spartirono tra Francia e Regno Unito i territori della cosiddetta Mezzaluna fertile. > Guarda il video

siria video animato spiegazioneChe cosa succede in Siria e perché? La guerra spiegata con un disegno

Le radici del conflitto in Siria affondano in 2000 anni di storia. Questo video ve li racconta in 9 minuti. La clip realizzata da #WHYMAPS è diventata virale subito dopo gli attacchi di Parigi collezionando milioni di visualizzazioni sui social network. > Guarda il video

siria video 3La differenza tra sunniti e sciiti spiegata in 2’ con un’animazione

Le sanguinose guerre in corso in Siria, Iraq, Yemen e altri Paesi musulmani nascono da due visioni, quella sunnita e quella sciita, islamiche che si confrontano da 1400 anni. Il punto cruciale della discordia è su chi sia e che ruolo debba avere il khalifa, il califfo, cioè il successore di Maometto. > Guarda il video

Leggi lo speciale su E20 >

In «Lettere e storia»

Tematizzare in storia: due attività didattiche per la classe

A scuola raggruppare le informazioni in base alla loro coerenza è un’operazione molto utile: tematizzare ti permette di organizzare le lezioni e, al tempo stesso, aiuta gli studenti nella memorizzazione...

leggi

Maturità 2019: commento agli esempi di tracce per la prima prova scritta

21/12/2018 da Bianca Barattelli

PARTE SECONDA >> PER LEGGERE LA PRIMA PARTE VAI QUI Le prime tracce esemplificative diffuse dal MIUR il 14 dicembre scorso hanno certamente tolto un po’ di ansia rispetto alle novità (“tutto qui?” – hanno pensato in molti), ma non hanno fatto particolare chiarezza sulle modalità con le quali gli studenti potranno o dovranno redigere i loro elaborati...

leggi

Giorno della Memoria: proposte didattiche per una lezione non retorica

20/12/2018 da redazione DeaScuola

Come si può raccontare l’orrore dell’Olocausto agli studenti? Come è possibile parlare della Shoah e del Giorno della Memoria anche se sono lontani dal periodo storico che si sta studiando? La Memoria non si insegna...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA