Il disgelo Usa-Cuba parla di business

10/10/2016

“Siamo tutti americani”. Lo storico disgelo tra Stati Uniti e Cuba, dopo oltre mezzo secolo d’incomunicabilità ufficiale, di venti di guerra (anche nucleare), di sfide reciproche a non finire e d’embargo, comincia con le parole di Barack Obama nel dicembre del 2014. Come atto formale avviene uno scambio di prigionieri. Nell’estate del 2015 riaprono le rispettive ambasciate e il segretario di Stato Usa, John Kerry, ringrazia ufficialmente Papa Francesco, che aveva ospitato in Vaticano i colloqui segreti fra Washington e l’Avana, aiutando a sbloccarli. Tra i punti salienti dell’intesa c’è il progressivo superamento dell’embargo, l’allentamento dei vincoli sui viaggi degli americani a Cuba e, soprattutto, la ripresa dei rapporti economici. Il 20 marzo 2016 Obama è a Cuba (sono trascorsi 88 anni dall’ultima visita di un presidente Usa sull’isola, quella del repubblicano Calvin Coolidge, nel 1928) e tre giorni dopo i Rolling Stones suonano nella Plaza de la Revolución. Neanche due mesi e l’isola sarà “invasa” dalle modelle di Chanel mentre le prime navi da crociera statunitensi scaricheranno centinaia di passeggeri nel porto di l’Avana. Il nuovo corso è avviato ma che cosa porta con sé l’apertura del regime castrista? E che cosa c’è dietro oltre mezzo secolo di isolamento?

 

> Obama in Plaza de la Revolution, dietro c’è la gigantografia del Che

Obama-a-CubaIl presidente degli Stati Uniti Barack Obama durante la sua storica visita a Cuba, durante la quale ha incontrato Raul Castro, ha deposto una corona di fiori dinnanzi al monumento dedicato a José Martì, poeta, scrittore e rivoluzionario cubano, leader del movimento per l’indipendenza dell’isola e considerato uno dei maggiori eroi nazionali. Il monumento, completato nel 1958, si trova al centro di Plaza de la Revolution, nel quartiere Vedado de L’Avana.

> Guarda il video

 

> La stretta di mano a Cuba tra Obama e Castro e l’inno nazionale Usa
stretta-di-mano-a-cuba-tra-obama-e-castro

“Raul Castro ha accolto Barack Obama al Palazzo della Rivoluzione dell’Avana, che sarà teatro del loro storico terzo faccia a faccia, il primo sul suolo di Cuba. Mentre nell’edificio simbolo della rivolta castrista risuonava l’inno nazionale americano `The Star-Spangled Banner´, il leader dell’isola caraibica ha ricevuto l’ospite con una calorosa stretta di mano e un largo sorriso. Poi insieme hanno posato davanti a foto e videocamere.”

> Guarda il video

 

> Perché Obama è andato a Cuba, l’intervento del direttore de La Stampa Molinari
diritti civili cuba

“L’intervento a Skytg24 Pomeriggio del direttore de La Stampa Maurizio Molinari sulla visita a Cuba del presidente degli Stati Uniti Barack Obama.”

> Guarda il video

 

 

Leggi lo speciale “Disgelo Cuba-USA” su E20

 

In «Didattica»

Scuola delle competenze: a che punto siamo?

22/10/2018 da redazione DeaScuola

Le più recenti indicazioni normative, orientate vero un apprendimento per competenze, sollecitano i docenti e le scuole a ripensare la propria azione didattica e valutativa in direzione di una comprensione profonda da parte degli allievi dei contenuti di sapere affrontati a scuola...

leggi

Come cambia l’esame di maturità nel 2019?

09/10/2018 da Luigi Tomasi

Il 4 ottobre scorso è stata emanata la circolare ministeriale  sul “nuovo esame di Stato” del 2019. In realtà la normativa sull’esame di maturità 2019 che entrerà in vigore era già prevista dal Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n...

leggi

Progetto educativo One Planet One Future Milano

05/10/2018 da redazione DeaScuola

One Planet One Future è un progetto di Anne de Carbuccia che usa fotografie, installazioni, video e conferenze per documentare i danni creati dall’uomo al pianeta: “quanto ancora abbiamo, quanto stiamo per perdere e quanto abbiamo già perso”...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA