Didattica: 5 consigli per avvicinare le ragazze alle STEM

04/03/2016

De Agostini Scuola aderisce all’iniziativa Le ragazze vogliono contare! con alcuni contenuti e materiali per la didattica che saranno accessibili on line a docenti, genitori e studentesse.

Abbiamo raccolto qui 5 indicazioni pratiche per aiutare tutti i docenti a stimolare l’incontro fra le ragazze e le materie STEM(Science, Technology, Engineering, Mathematics).

 

1. Suggerisci alle tue studentesse il test promosso dalla Commissione Europea “La scienza: un gioco da ragazze!”

Schermata 2016-03-03 alle 12.37.51I test di profilazione piacciono a tutti i ragazzi: sono coinvolgenti e divertenti, e se sono creati e proposti dalla Commissione Europea possono avere un ascendente positivo. Con questo brevissimo test le ragazze possono scoprire il lavoro più affine alle loro attitudini e passioni e scoprire professioni di cui forse non sapevano nemmeno l’esistenza come l’agronoma, l’immunologa, la neuroscienziata, l’ingegnere del software, l’ingegnere oceanografico, la geologa, la biologa marina, l’architetto navale o l’ingegnere aerospaziale.

 

2. Incoraggia la tua scuola a creare programmi speciali e fai iscrivere le ragazze della tua classe.

Ogni giorno nascono nuove associazioni, laboratori (spesso gratuiti) o camp pensati appositamente per avvicinare le ragazze allo STEM. Puoi confrontare le loro offerte formative e organizzare nella tua scuola un evento speciale, coinvolgendo magari proprio le associazioni ed enti più attivi in questo senso (per esempio la Scuola di robotica, Stem Innovation Camp, La nuvola Rosa, CoderKids, etc ). L’ideale è incoraggiare la partecipazione delle tue studentesse ai programmi creati ad hoc.

 

3. Trova mentor e donne con una carriera in ambito STEM che possano incontrare le studentesse

Oggi esistono decine di associazioni che si rivolgono esclusivamente a professioniste in ambiti STEM. Pensa a quanto sarebbe stimolante per le tue studentesse poter parlare con un’astronauta, con una biologa o con un’immunologa? Spesso alle studentesse mancano dei buoni esempi, delle Mentor, delle donne professioniste a cui guardare con stima ed ammirazione. Eppure i modelli ci sono! Perché non far incontrare le professioniste dello STEM con le tue studentesse?

Ecco qualche esempio di associazioni che puoi contattare per organizzare incontri:

  • L’ Associazione donne scienza ha come scopo principale quello di promuovere, attraverso progetti, convegni e iniziative, l’ingresso e la carriera delle donne nella ricerca scientifica http://www.donnescienza.it
  • L’AIDIA è un’associazione nazionale nata nel 1957 per difendere i diritti delle laureate che lavoravano nel campo dell’ingegneria e dell’architettura http://www.aidia-italia.org/default.aspx
  • L’ Associazione Donne e Tecnologia ha l’obiettivo di promuovere progetti finalizzati al conseguimento di pari opportunità nel mondo del lavoro e nella vita sociale, al superamento del gender divide, alla valorizzazione del contributo specifico femminile all’innovazione, alla valorizzazione della diversity in tutti i campi della vita economica e sociale, all’inserimento nel mondo del lavoro di lavoratori considerati svantaggiati. http://www.donnetecnologie.org
  • Girls Geek Life è il magazine delle ragazze appassionate di tecnologia: Girl Geek Life parla di tecnologia, gadget, internet e tutto ciò che appassiona le girl geek italiane. Nato da un’idea di alcune organizzatrici delle Girl Geek Dinners in Italia, vuole esprimere il punto di vista delle geek italiane sulla tecnologia in tutte le sue forme http://www.girlgeeklife.com
  • EPWS – European Platform of Women Scientists, è la rete istituita dalla Commissione Europea: lavora per aumentare la partecipazione femminile nella scienza europea. Rappresenta le esigenze delle scienziate europee in tutte le fasi della carriera presso gli organismi decisionali, in particolar modo la Commissione http://www.epws.org
  • WomenForWater è un’alleanza di organizzazioni locali, nazionali e internazionali di donne che lavorano sui temi dello sviluppo sostenibile, principalmente su questioni riguardanti acqua e igiene e sradicamento della povertà http://www.womenforwater.org/openbaar/index.php

 

4. Suggerisci alla classe cosa si può fare con una laurea in materie scientifiche 

Sul sito web della campagna La scienza: un gioco da ragazze!, troverete moltissime informazioni ( anche in italiano), eventi e interviste a donne che costituiscono un modello da seguire. “La scienza: un gioco da ragazze!” è una campagna della Commissione Europea rivolta alle ragazze fra i 13 e i 18 anni per incoraggiarle a studiare materie scientifiche.

Questo è il video che sintetizza il progetto e che potete mostrare in classe:

 

5. Mostra quanto possono essere cool e internazionali le materie STEM!

Avvicinarsi all’immaginario e al linguaggio delle giovanissime è il modo migliore per arrivare all’obiettivo. Mostra loro quanto le materie STEM siano amate dalle ragazze di tutto il mondo. Per farlo utilizza uno dei social network che utilizzano di più: Pinterest. Qui puoi trovare gli ultimi aggiornamenti.

pinterest girl stem

> Vai al progetto Le ragazze vogliono contare!

In «Matematica e Scienze»

Il mimo al buio, il telefono senza fili multisensoriale e le attività del progetto weDRAW da portare in classe

24/09/2018 da redazione DeaScuola

Chi l’ha detto che aritmetica e geometria sono materie noiose? Un gruppo di ricercatori prova a sfatare questo mito sviluppando nuovi giochi multisensoriali per stimolare i bambini della scuola primaria a scoprire aritmetica e geometria in modo alternativo e divertente...

leggi

Quale INVALSI per l’ultimo anno di scuola secondaria di secondo grado?

19/09/2018 da Giorgio Bolondi

L’Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione – la Maturità, per usare il termine comune e familiare – vive da alcuni anni un periodo in cui regna l’incertezza. Una prima ipotesi di buon senso voleva che l’Esame venisse riorganizzato (ridisegnato?) nel momento in cui la prima coorte di studenti che aveva frequentato fin dall’inizio il secondo ciclo riformato, con i nuovi indirizzi, le nuove Indicazioni Nazionali e le nuove Linee Guida, fosse giunta al termine del percorso...

leggi

Per iniziare bene… giochiamoci su!

11/09/2018 da Paola Morando

Eccoci qua, pronti per ricominciare. Tra qualche giorno saremo di nuovo in classe, di fronte a ragazzi più abbronzati, più alti, forse anche più maturi di quelli che abbiamo lasciato a giugno, ma non facciamoci illusioni: dai più silenziosi ai più irrequieti, sono tutti ancora con la testa in vacanza! Sappiamo per esperienza che ci vorranno almeno un paio di settimane per riuscire a ottenere tutti i libri, i quaderni e soprattutto tutti i cervelli accesi ed è quindi perfettamente inutile accanirsi nel disperato tentativo di iniziare da subito a svolgere il programma...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA