Dare senso all’educazione matematica: riflessioni, strategie didattiche e spunti per attività

09/02/2018

All’ingresso della scuola primaria la matematica è in genere una delle materie più amate dai bambini.

All’uscita dalla scuola superiore è la materia più odiata in assoluto, e spesso tale sentimento rimane anche quando lo studente diventa adulto.
Questo atteggiamento negativo è in genere accompagnato da un lato da un senso di inadeguatezza da parte dello studente – o ex studente – che si sente incapace di controllare il proprio successo; dall’altro da una visione della matematica come disciplina lontana dalla realtà, fatta di regole da memorizzare e poi applicare a esercizi ripetitivi, dove il successo viene identificato con il dare velocemente la risposta corretta, l’errore ha una connotazione negativa e il tempo a disposizione è vissuto come un tempo contratto, nemico: una disciplina caratterizzata da un linguaggio criptico e artificioso, difficile e al tempo stesso noiosa, di cui non si riesce a cogliere il senso.

Nella costruzione di questa visione della matematica e di sé come allievo si riconosce la responsabilità di un insegnamento poco incoraggiante, attento ai prodotti più che ai processi, che privilegia esercizi a problemi, spesso condizionato da un’idea riduttiva di valutazione.
Perché l’allievo possa percepire il senso dell’insegnamento della matematica è importante quindi una riflessione su alcune pratiche didattiche diffuse e sulle loro conseguenze, ma anche su alcune convinzioni che stanno alla base di tali pratiche:

  • l’idea di successo identificata con risposte corrette date in tempi veloci;
  • l’idea che ‘aiutare’ gli studenti significhi rendere loro le cose più facili;
  • una visione dell’apprendimento in cui c’è poco spazio per l’errore e il tempo, centrata più sull’acquisizione di conoscenze e abilità che sulla costruzione di competenze.

A partire da questa riflessione è possibile individuare alcune strategie didattiche che restituiscono senso all’insegnamento della matematica: problem solving, didattica laboratoriale, ma soprattutto una diversa gestione del tempo e degli errori.

> Vi aspetto agli eventi formativi Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica edizione 2018, che si terranno a Napoli (15 febbraio), Padova (23 febbraio) e Roma (23 marzo).

> Info e iscrizioni: http://bit.ly/MCD2018

In «Matematica e Scienze»

L’oggetto nascosto, ovvero… giochiamo con le rette!

11/12/2018 da Paola Morando

Avrete forse avuto modo di notare come, nonostante l’enorme quantità di esercizi di geometria analitica che gli studenti affrontano durante la loro carriera scolastica, molti di loro facciano ancora fatica a collegare le soluzioni della disequazione y < x – 2 con la regione del piano che si trova sotto alla retta di equazione y = x – 2 ...

leggi

Una tombola... rettificata! Come ripassare la geometria analitica giocando in classe

06/12/2018 da Paola Morando

Natale si avvicina, e con esso la fine del primo periodo didattico. Già da qualche settimana gli studenti si aggirano guardinghi per i corridoi, cercando di schivare ora una verifica, ora un’interrogazione e, quando arrivate in classe, vi accolgono con uno sguardo di terrore misto a speranza… “Magari almeno quella di Matematica oggi non interroga”, sussurrano fiduciosi...

leggi

Disastri idrogeologici e matematica: un compito di realtà da replicare in classe

30/11/2018 da Alice Marro

A metà novembre, dopo settimane di pioggia e disastri dal nord al sud dell’Italia, finalmente è tornato il sole, ma intorno a noi si continuano a vedere immagini e video della devastazione che questi eventi atmosferici hanno lasciato dietro di loro...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA