Confermato l’uso delle calcolatrici grafiche nella seconda prova scritta dell’esame di Stato 2019

22/10/2018

Il 17 ottobre scorso è stata pubblicata dal MIUR la nota sull’uso delle calcolatrici scientifiche e/o grafiche, con un elenco aggiornato dei modelli che si possono utilizzare all’esame di Stato 2019. La nota si trova qui: Prot. 17905 del 17-10-2018.

Sono permesse le calcolatrici grafiche purché non siano CAS (Computer Algebra System), ovvero non abbiano capacità di calcolo simbolico.

Le calcolatrici grafiche erano state permesse agli esami dei due anni precedenti (2017 e 2018). La vera novità di quest’anno è che il Ministero dell’Istruzione, a differenza degli anni precedenti, ha comunicato fin dall’inizio dell’anno scolastico quali calcolatrici scientifiche e/o grafiche si potranno usare all’esame. Questa è una novità di sicuro apprezzata dagli insegnanti, che non dovranno attendere fino ad aprile o maggio per sapere se all’esame si potranno usare le calcolatrici grafiche!

L’elenco dei modelli permessi è stato aggiornato inserendo un’altra casa produttrice di calcolatrici oltre alle quattro maggiori case che erano presenti nella circolare dello scorso anno (Casio, HP, Sharp e Texas Instruments). Sono infatti state aggiunte alcune calcolatrici scientifiche (non grafiche) prodotte dalla Citizen.

L’elenco permetterà alle Commissioni d’esame di controllare in modo rapido se le calcolatrici in possesso dei candidati rientrino tra quelle autorizzate. Nella tabella allegata alla circolare, accanto ai modelli più recenti, sono anche elencati alcuni tipi di calcolatrici non più in commercio. Questo per permettere agli studenti di utilizzare dei modelli di calcolatrice, “vecchi” al massimo di 5 anni, acquistati all’inizio del corso di studi.

È da notare che le calcolatrici grafiche sono autorizzate nella seconda prova scritta per tutti gli indirizzi di studio; quindi possono essere utilizzate anche nella seconda prova riguardante discipline scientifico-tecniche di tutti gli istituti, non solo nei licei scientifici.

Naturalmente, per permettere agli studenti di utilizzare all’esame le calcolatrici grafiche, occorre formare gli insegnanti all’uso didattico, in classe, di questi strumenti di calcolo e di rappresentazione grafica. Altrimenti succederà, come nella seconda prova dello scorso giugno, che solo una piccolissima parte degli studenti utilizzerà la calcolatrice grafica.

Prima di tutto occorre trasmettere agli studenti che per usare queste calcolatrici è necessario conoscere la Matematica (o le altre materie scientifico-tecniche oggetto della seconda prova). La calcolatrice grafica (non CAS) può permettere di controllare dei calcoli e di visualizzare rapidamente dei grafici, ma bisogna sapere interpretare ciò che si vede sul display per poi motivare sul compito d’esame quel che si vede nel grafico. Tuttavia è indubbio che, se ben usate, possono fornire un grande aiuto durante la prova!

Per spunti sull’uso didattico della calcolatrice grafica nell’insegnamento della Matematica si rimanda al volume Calcolatrici grafiche e prova d’Esame, presente nel KIT per l’Esame di Stato, parte del corredo per l’insegnante dei corsi di Matematica  di Leonardo Sasso.

In «Matematica e Scienze»

Gli asteroidi danno i numeri! Un esercizio di matematica e realtà

25/10/2018 da Giacomo Campana

Con il primo mese di scuola ormai alle spalle, gli alunni della classe prima si sono quasi ambientati alla nuova scuola e soprattutto hanno completato la loro prima ricerca matematica. L’obiettivo era trovare un articolo di giornale o rivista che contenesse molti numeri da poter analizzare e utilizzare per la nostra attività in classe...

leggi

Halloween, ovvero la terrificante notte delle statistiche stregate!

25/10/2018 da Paola Morando

Quest’anno la notte di Halloween è ancora più paurosa! Infatti, oltre a scheletri, fantasmi, mummie, streghe e zombie, circolano nella notte anche inquietanti statistiche! Ma cominciamo dall’inizio: le terribili maledizioni scagliate negli ultimi anni dagli studenti di tutto il mondo contro la Matematica hanno incuriosito il Ministro per l’Educazione degli Spiriti, il quale ha deciso che una materia tanto terrificante non poteva mancare tra le competenze dei suoi studenti...

leggi

I numeri? Mettiamoli in fila!

10/10/2018 da Paola Morando

Mettere in ordine i numeri, soprattutto se scritti in forme diverse, è un’operazione non banale per molti studenti. D’altra parte gli esercizi su questo argomento sono effettivamente un po’ noiosi, quindi perché non provare con un gioco? Preparate il materiale scrivendo su dei post-it i numeri (tanti quanti i giocatori) che volete che i vostri studenti imparino a confrontare tra loro...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA